Ischia: l’isola si anima di vip e turisti per la bollente estate 2018

Turismo

L’estate bollente di Ischia è già iniziata. Bollente come le foto rimbalzate in tutto il mondo, che ritraggono un momento d’intimità tra la tennista Maria Sharapova e il fidanzato, il miliardario Alexander Gilkesi. E precisamente un morsettino sul lato b della splendida campionessa. Questo però non è destinato senz’altro a rimanere l’unico scoop della stagione in questa bellissima isola, meta preferita non solo da vip internazionali ma anche da personaggi famosi di casa nostra. Sono, infatti, già sbarcati nei giorni scorsi Renato Zero, Mara Venier ed Ezio Greggio intervenuti all’Ischia Global Fest. Un appuntamento che trasforma Piazza Marina in un cinema a cielo aperto.

Chi non è interessato ai film rimane affascinato dallo spettacolo naturale rappresentato da quel  set “cinematografico”, l’isola che, con i suoi circa 65.000 abitanti, è la terza più popolata d’Italia dopo la Sicilia e la Sardegna. E dalle sue famosissime terme dove andarono a curarsi anche Garibaldi, Cavour  e Arturo Toscanini. In tutte le epoche con i suoi sei comuni (Ischia, Barano, Casamicciola, Serrara Fontana, Forio e Lacco Ameno), ha attratto personaggi famosi, come Luchino Visconti che qui aveva eletto la sua residenza estiva con la sua villa, la Colombaia, teatro di feste e ricevimenti, negli anni più volte depredata e presa d’assalto dai vandali.

Ma fortunatamente a prendere d’assalto Ischia sono soprattutto i turisti: quelli che approdano con i lussuosi yacht e coloro che arrivano sull’isola con i servizi di navigazione in partenza dalla costa. Gli aliscafi, di dimensioni più ridotte, sono l’alternativa più veloce: raggiungono l’isola in quasi un’ora di navigazione. Il vantaggio offerto dal traghetto, che impiega un’ora e mezza, è invece quello di poter imbarcare l’auto sul traghetto per Ischia e potersi godere il panorama dal ponte. Un’operazione per niente complicata, assistita dal personale di bordo.  E’ necessario attendere  che salgano i passeggeri che salpano a piedi e liberare il lunotto posteriore, in modo da potersi muovere più facilmente in retromarcia. Coadiuvati naturalmente dai marinai che aiutano indicando il punto esatto dove parcheggiare l’auto all’interno del traghetto. Ma l’assistenza nel trovare posto sul traghetto non è l’unica comodità. C’è, infatti, anche quella di poter prenotare il trasporto, ventiquattrore su ventiquattro, navigando. Beninteso in quest’occasione on line.

 

A cura di Pietro Cobor

 

 

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial