Tortona Design Week 2017 Design to connect 4–9 aprile 2017

Eventi & Fiere

Una Milano sempre più internazionale e proiettata verso il futuro, dove moda, design e cultura si confermano simboli di eccellenza e motori di nuove opportunità, capaci di attrarre i giovani e di dare spazio a innovazione ed energie imprenditoriali: è questo il contesto fotografato dalla società di ricerche GfK in cui si inserisce la Design Week 2017.

Un’evoluzione – quella della Milano contemporanea – che rispecchia anche la vivacità e il fermento di una zona, come Tortona, che nel tempo ha saputo trasformare l’intuizione innovativa del Fuorisalone in un vero e proprio distretto attivo tutto l’anno, punto di riferimento per le industrie creative e non solo.

Se Milano è connessa, ora più che mai, con il panorama italiano e internazionale in diversi ambiti, a partire dal design stesso, così anche Tortona è in connessione continua con la città: da quartiere operaio, sede di manifatture produttive, questa zona si configura oggi come vero e proprio hub di innovazione e produzione culturale, ponte fra idee, progetti e persone.

Dopo il successo dell’edizione 2016 – che ha visto 150.000 visitatori per oltre 200 eventi e 20 paesi rappresentati – la Tortona Design Week si conferma anche quest’anno uno dei poli fondamentali in città durante la settimana del design, meta di riferimento per i tanti appassionati del Fuorisalone (secondo GfK, tra i quartieri più attrattivi per oltre il 76% delle persone che hanno partecipato alla Design Week).

Tante le novità e i protagonisti presenti in zona durante la Design Week 2017: designer, progetti e aziende provenienti da tutto il mondo – in particolare Cina, Brasile, Germania, Giappone, Francia, Lettonia, Messico, Olanda, Polonia, Singapore, Turchia, UK e USA – per indagare e raccontare i nuovi paradigmi del design contemporaneo, sempre più interconnesso, flessibile e portato a misurarsi con bisogni ed esigenze in continua evoluzione. Dal design nomade al colore, dalla manifattura 4.0 al design sociale fino ai nuovi trend nell’arredo e nell’interior design, Tortona Design Week offrirà un ampio sguardo sul design del futuro e sui temi più attuali e interessanti sviluppati da aziende e designer.

A un anno dalla sua apertura BASE Milano si conferma, anche per questa edizione, Design Center della zona. Durante il Fuorisalone 2017 gli spazi dell’ex Ansaldo ospiteranno mostre, designer, imprese, università e diversi progetti dedicati al tema del design nomade. La mostra Design Nomade, primo progetto espositivo nato da una call internazionale a cura di BASE Milano e con le suggestioni di Stefano Mirti, presenta una serie di oggetti diversi tra loro, ma accomunati dall’idea di un design agile pensato per rispondere ai nuovi bisogni del vivere contemporaneo: da Itaca, la casa portatile di Elena Bompani fino a WaterBed l’abitazione sull’acqua di Daniel Durin, passando per le sperimentazioni di HOMI Smart, con un focus dedicato al crossover tra design e nuove tecnologie.

L’esposizione si amplifica nell’installazione progettata dal collettivo romano Orizzontale. BASE Milano ospiterà anche l’evento “Manifattura 4.0. The challenge for the future of the Italian companies” organizzato da CNA Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media, che presenta due progetti speciali “Green Smart Living” e “rOBOTRIP | open tools for art and design”, nato dalla collaborazione tra WeMake e Caracol Design Studio, l’installazione a cura di Raumlabor e Moleskine, che durante la Tortona Design Week farà scoprire il processo creativo che si nasconde dietro il design del Classic Backpack. Sempre legato al tema del design nomade e parte della mostra in BASE Milano, Quiubox di Tomaso Boano e Jonas Prismontas, porta a Milano due strutture “itineranti” che diventeranno InfoPoint della zona ma soprattutto incubatore di conoscenza e di saperi. Quiubox diventa un punto di contatto tra le comunità di afrocolombiani e il processo del fare, una fabbrica temporanea per la creatività e l’azione sociale.

Quest’anno, Hotel Magna Pars Suites Milano e Magna Pars Event Space ospitano, tra gli altri, le opere emblematiche dello storico Atelier di maioliche faentine CERAMICA GATTI 1928, tra cui AIDIALETTICA del Maestro Luigi Ontani, che rappresenta il forte legame della famiglia CERAMICA GATTI 1928 con l’arte e gli artisti più noti dal futurismo ai giorni nostri. L’eclettico designer Karim Rashid animerà invece il party esclusivo del magazine F, che festeggia i suoi primi cinque anni partecipando per la prima volta alla Tortona Design Week.

Nel palinsesto degli eventi di Milano Space Makers si delinea una vera e propria “mappa” di contenuti, progetti sintomatici dei cambiamenti in corso, come collettive, collaborazioni tra aziende e designer di diversa nazionalità e iniziative che evidenziano nuove modalità di fruizione rappresentate dalle web sources. Molti i progetti di spicco tra cui MINI LIVING – “Breathe”, un’installazione che mostrerà come l’architettura possa offrire soluzioni creative per un vivere più consapevole ed eco-friendly, “CORIAN® CABANA CLUB”, il progetto realizzato da Corian® Design Surface e Cabana Magazine, un viaggio multiculturale ed emozionale nel mondo del massimalismo e “Ròng” Contemporary Design Exhibition, una collettiva cinese molto raffinata che indaga l’utilizzo dei materiali tradizionali come carta, seta, bamboo, argilla e rame. Stellar Works, primo brand globale di design nato in Asia, presenterà l’installazione House Within a House dove saranno esposte le nuove collezioni di arredo a firma di Neri&Hu, direttori creativi del marchio, Space Copenhagen, Yabu Pushelberg e Crème. Vestre, storica azienda norvegese, proporrà un’interessante esposizione dedicata all’urban design offrendo così una visione innovativa dell’arredo urbano per una rinascita in chiave ecologica e creativa delle città contemporanee. Da non perdere la collaborazione di Citroën e Gufram che darà vita ad un incontro irriverente da cui nasce una show car di C4 Cactus, sintesi dell’innovazione nell’uso di materiali evoluti e di un design ironico e fuori dagli schemi.

Per questa edizione, il SUPERDESIGN SHOW di Superstudio si tinge di colore con il tema scelto per il 2017 “TIME to COLOR!” e propone installazioni spettacolari che esaltano il prodotto: Tokujin Yoshioka per LG, artista e designer presente nelle collezioni permanenti di MoMA, Centre Pompidou e altri prestigiosi musei; gli incredibili vetri dei Giapponesi di AGC Asahi Glass in collaborazione con Jin Kuramoto e il pluripremiato studio londinese Raw-Edges; il progetto di Carpet Sign, tappeti “made in Holland” disegnati da Karim Rashid; il padiglione con il meglio del design emergente polacco a cura di Dorota Koziara; l’acclamato artista e fotografo francese Charles Pétillon per Sunbrella; il progetto di PepsiCo con Mathieu Lehanneur, Luca Nichetto, Fabio Novembre, lo chef Davide Oldani, Studio Job, Patricia Urquiola e molti altri. Ricerca internazionale in tutto il mondo con la mostra “Discovering: People & Stories”, proposte dei nuovi autori di design con l’intervento artistico di Alessandro Guerriero; i Selected Objects, collettiva dedicata alle piccole e medie aziende, e Materials Village, il meglio dell’innovazione dei materiali a cura di Material ConneXion con una grande installazione di Studio Patricia Urquiola per 3M.

Tortona Locations anima i suoi spazi con progetti internazionali e collaborazioni, come quella con il German Design Council che presenterà i prototipi dei 21 designer vincitori di “ein&zwanzig”, il concorso internazionale nato per promuovere le nuove generazioni di designer, e con P!NTO SEATING DESIGN, il brand giapponese che aprirà il suo primo temporary shop in occasione della Tortona Design Week. Sarà inoltre possibile scoprire la nuova collezione di ARREDI SiAmoscarti, laboratorio di falegnameria tutto al femminile e, tra un progetto e l’altro, fare una partita a pingpong e scoprire il tavolo INFINITY di San-Ei Corp scelto per le recenti Olimpiadi. IQOS Pathfinder Project, piattaforma culturale globale che sostiene i talenti creativi più innovativi, presenterà l’installazione di Davide Quayola, Jardins d’Été: una serie di video digitali ispirati all’impressionismo francese e alle ultime opere di Claude Monet. In occasione della Tortona Design Week 2017, il brand norvegese Casa Stokke®, oltre a presentare la sua ultima collezione, offre uno spazio polifunzionale e family friendly per affrontare al meglio l’esperienza del Fuorisalone. Non solo un’esposizione ma un vero e proprio servizio offerto al distretto Tortona.

Domus approda nel cuore del Tortona District allestendo presso il nuovo Spazio Copernico Tortona 33, una mostra interamente dedicata alla città di Milano, intitolata “Milano Next”.

Un’estensione concettuale della speciale guida “Domus Urban Stories Milan” che è stata realizzata dalla testata raccogliendo quindici testimonianze d’eccezione – tra cui Studio Mumbai, Jasper Morrison e Maurizio Cattelan – e tracciando altrettanti percorsi d’autore assolutamente inediti per la città.

Nella location d’eccezione della Fondazione Gianfranco Ferrè, Guri I Zi, impresa sociale che promuove l’empowerment delle donne albanesi grazie al sostegno di Istituto Ganassini e marchio di prodotti tessili per la casa realizzati a mano, presenta la sua collaborazione con la designer Marta Sansoni, che ha creato e progettato per il brand la linea di pouf FLOATING ON. Riconfermata la presenza di MOOOI in via Savona.

Il progetto Tortona Design WeekBASE Milano Elena Bompani

Tortona Design Week è un progetto di comunicazione integrata con il patrocinio del Comune di Milano, che ha l’obiettivo di valorizzare eventi, installazioni e progetti che si svolgono nell’area di Tortona durante il Fuorisalone. I partner dell’iniziativa – che si presentano come realtà molto diverse tra loro, da organizzazioni che privilegiano la sperimentazione e la ricerca culturale a realtà consolidate nel campo degli eventi e della produzione di contenuti di design – sono: Associazione Tortona Area Lab, BASE Milano, Magna Pars, Milano Space Makers, Superstudio Group, Tortona Locations.

Partner di Tortona Design Week 2017 è Egeria Energie, una giovane e dinamica azienda fornitrice di energia elettrica e gas alla clientela business.

www.tortonadesignweek.com – #tortonadesignweek | #tdw2017 | #DesignToConnect – #fuorisalone | #fuorisalone2017

Open night Tortona Design Week

Giovedì 6 aprile ci sarà una speciale open night con alcune location della zona aperte fino a mezzanotte. Le location aperte saranno indicate sul sito tortonadesignweek.com

Info Point e Press Point Tortona Design Week

BASE Milano | Via Bergognone 34 angolo via Tortona

Info Point e Press Point ufficiali della Tortona Design Week saranno ospitati negli spazi di BASE Milano, che si trasformerà in una piattaforma di connessione: giornalisti, visitatori e addetti ai lavori potranno incontrarsi e confrontarsi durante l’intera settimana.

Architours

L’Associazione Tortona Area Lab organizza durante la settimana del Fuorisalone una serie di Architours gratuiti del distretto, guidati da esperti architetti e rivolti a visitatori, professionisti, studenti e appassionati di architettura e design. I tour, organizzati in collaborazione con AIM – Associazione Interessi Metropolitani, una no profit specializzata nello studio e promozione delle trasformazioni urbane di Milano, durano circa 1 ora e 45 minuti e si svolgono esclusivamente su prenotazione. Quest’anno toccherà tre luoghi emblematici del legame tra moda e design. Per informazioni e prenotazioni: info@tortonadesignweek.com

Tortona Design Week supporta Milano Design Award, l’unico e solo premio che celebra le migliori installazioni del Fuorisalone.

ITINERARIO E CONTENUTI DELLA TORTONA DESIGN WEEK 2017

Di seguito le novità, i progetti e gli appuntamenti che animeranno il distretto Tortona attraverso le vie della zona durante la Design Week milanese.

Via Tortona 15 | Magna Pars Event Space

Via Forcella 6 | Hotel Magna Pars Suite Milano

F, in occasione dei suoi primi 5 anni, partecipa per la prima volta alla Tortona Design Week. Nel corso della settimana si alterneranno, all’interno della Lounge dell’Hotel Magna Pars, momenti di confronto e discussione con ospiti del giornale e momenti di interazione con le lettrici. Vi saranno anche due party esclusivi: il primo, lunedì 3 aprile, riservato a ospiti selezionati di F e il secondo aperto al pubblico della Design Week che avrà come protagonista l’eclettico designer Karim Rashid.

Lo storico Atelier di maioliche faentine CERAMICA GATTI 1928, si esprime attraverso opere emblematiche e rappresentative delle sue capacità creative e produttive riconosciute a livello internazionale. Oggetti d’arte e d’arredo, realizzati su commissione da artisti e interior designer, si alternano a nuove collezioni create e prodotte “in bottega”. Vasi, oggetti, sculture di varie forme e dimensioni vengono realizzate con tecniche sofisticate capaci di cogliere sfide impensabili per dimensioni e decorazioni, tra tutte la tecnica esclusiva dei riflessi policromi e iridescenti. Un’opera d’arte tra tante, AIDIALETTICA del Maestro Luigi Ontani, rappresenta il forte legame della famiglia CERAMICA GATTI con l’arte e gli artisti più noti dal futurismo ai giorni nostri.

Vadolibero, l’azienda milanese che propone Smart Solutions per il Cycling, presenta una produzione di linee dedicate al cycling nate per trasformare la passione per la bici di design, perfetto binomio di ingegneria ed estetica, in un’esperienza da godersi pienamente anche a casa

Tortona 15, un ambiente unico dove dialogano nomi e brand conosciuti a livello internazionale che trovano una loro propria collocazione come in una dimora arredata da pezzi storici e moderni disegnati dal celebre designer Karim Rashid.

Via Tortona 19 | Spazio Drogheria | San-Ei Corp.

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Tortona Locations

San-Ei Corp presenta INFINITY, il tavolo da ping-pong scelto dal comitato Olimpico per le recenti Olimpiadi e Para-Olimpiadi di Rio. Lo Spazio Drogheria ospiterà due tavoli INFINITY e si potrà godere del gioco del ping-pong e scoprire quale potenziale può avere un attrezzo sportivo di qualità e design nell’arredo casa.

Via Tortona 20 | Spazio Office | Arredi SiAmoscarti

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Tortona Locations

ARREDI SiAmoscarti di Sarzana, laboratorio di falegnameria tutto al femminile di Maria Elisabetta Cori e Martina Scolari, presenta la nuova linea di arredi De-siderata. La collezione, realizzata con materiali di recupero e scarti di lavorazione, vede l’unione del calore avvolgente e seduttivo del legno, con quello più̀ essenziale del ferro. Con De-siderata il rifiuto si trasforma in unicità̀ e bellezza. Per le due designer, inizialmente, lavorare gli scarti è stato reso necessario dalla mancanza di risorse materiali, poi il percorso le ha portate a fare della mancanza il proprio principio creativo.

Via Tortona 28 | Spazio Olivia | P!NTO SEATING DESIGN

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Tortona Locations

P!NTO SEATING DESIGN, dopo il successo dello scorso anno, apre il suo primo temporary shop nello Spazio Olivia. I vari line-up di P!NTO sono nati dall’approccio unico della terapista occupazionale Hisako Nomura al seating design, come un originale seating system che utilizza la tecnologia Ethreem con speciali e importanti proprietà di comfort che permettono di assumere la giusta postura, sia a casa che in ufficio.

Via Novi 2 Tortona ang. Via Tortona | Casa Stokke®: il Fuorisalone a misura di Famiglia

Casa Stokke® è l’innovativo format dedicato a tutte le famiglie che visitano il Fuorisalone.

L’iniziativa del brand norvegese in occasione della Design Week 2017 è il momento non solo per presentare le ultime collezioni e le novità di prodotto, ma una occasione per offrire un’area di servizi dedicati a genitori e bambini per affrontare al meglio l’esperienza della settimana del mobile. La location si configura come uno spazio polifunzionale e family friendly in continuità con i temi di accessibilità promossi da TortonaDesign Week. Unitamente agli spazi da vivere, è previsto un ricco calendario di attività di intrattenimento per i diversi target, famiglie e bambini.

Via Novi 5 | “Ròng” Contemporary Design Exhibition

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Milano Space Makers

“Ròng” Contemporary Design Exhibition, raffinata collettiva cinese, indaga l’utilizzo di materiali tradizionali come carta, seta, bamboo, argilla e rame. La mostra è un paradigma della creatività cinese che unisce le radici della tradizione artigiana alle espressioni del design contemporaneo, riassumendo un lavoro di ricerca durato 5 anni in cui sono stati catalogati più di 2000 tipologie di materiali, oltre 30 villaggi visitati alla ricerca di tradizioni e maestrie artigiane e invitati 50 designer provenienti da campi differenti. In mostra 70 oggetti che sintetizzano l’essenza dell’estetica cinese.

Via Tortona 32 | MINI LIVINGBASE Milano Emmy Polkamp

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Milano Space Makers

MINI LIVING stupirà i visitatori con un progetto innovativo che mette in discussione lo stile di vita convenzionale per mostrare in che modo l’architettura può essere la risposta creativa per fronteggiare le sfide future come gli spazi sempre più contenuti e le risorse limitate delle aree urbane. Realizzato in collaborazione con lo studio di architettura newyorkese SO-IL, MINI presenta l’installazione MINI LIVING – “Breathe”, un concetto visionario che si basa sull’idea di un lifestyle più cosciente e sostenibile, con la proposta di soluzioni alternative per migliorare la vita in città.

Via Bergognone 34 | BASE Milano | Design Center

Design Nomade, un’esposizione, organizzata attraverso una call internazionale e con le suggestioni di Stefano Mirti, che apre una piccola porta per mostrare come a latitudini diverse i designer provano a dare risposta ai nuovi bisogni del vivere contemporaneo. Oggetti e progetti molto diversi tra loro, ma che parlano tutti lo stesso linguaggio. Quello di un design agile; oggetti pensati per essere sempre in viaggio, micro-architetture che si possono compattare e spostare e che nascono in primis come spazi di condivisione. Da Arara Nomade, l’armadio nomade di Ricardo Freisleben e André Pedrini, alla Lampada nomade di Gianfranco Conte di Artego, passando attraverso il progetto Hybridization di Libero Rutilo fino a Itaca, la casa portatile di Elena Bompani, WaterBed l’abitazione sull’acqua di Daniel Durin e Solari project, la cucina nomade di Hon Bodin, solo per citarne alcuni. La mostra si sviluppa e si amplifica nell’installazione progettata dal collettivo romano Orizzontale, che ha progettato una struttura essa stessa nomade, definendo così nuovi modi di fruire una mostra.

Un set all’interno del quale i progetti in mostra si incrociano con il programma di attività. Una struttura pensata per essere facilmente assemblabile e che può essere essa stessa smontata e rimontata più volte in altri contesti e altri luoghi. I temi del vivere nomade saranno approfonditi attraverso una serie di talk, incontri e tavole rotonde a cura di BASE Milano e

OnPrintedPaper.

Installazione a cura di Raumlabor “Forms of turmoil

Il progetto riflette sulle forme di manifestazione e di protesta nell’arena pubblica, sottolineandone la loro estrema attualità. Raumlabor allestirà un laboratorio di design, sperimentazione e produzione con strutture gonfiabili, che fungeranno anche da tele, manifesti e cartelli di protesta su cui diversi gruppi di attivisti locali sono invitati a scrivere le loro richieste. I gruppi creeranno una drammaturgia all’interno dello spazio pubblico usando i manifesti gonfiabili per esprimere i loro desideri nei riguardi della città e iniziare un discorso performativo tra cittadini, trasformando e aprendo gli spazi della città alla discussione e allo scambio d’opinioni. I singoli manifesti gonfiabili saranno assemblati insieme formando un’architettura più grande, creando così un unitario spazio di comunicazione, un palco, un’arena.

CNA, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, presenta l’evento MANIFATTURA 4.0, per raccontare al pubblico della Milano Design Week 2017 come le imprese italiane affrontano la sfida dell’industria 4.0, tra nuova manifattura e innovazione. 700 mq in cui si alterneranno un’esposizione delle imprese CNA, un’area dedicata alla formazione, uno spazio convegni e incontri B2B e due progetti speciali: Green Smart Living a firma dell’architetto Massimiliano Mandarini e promosso da Marchingenio – un modulo abitativo che promuove una cultura del vivere sano e sostenibile per spazi di architettura ibrida, green e social – e rOBOTRIP | open tools for art and design – un progetto di ricerca sperimentale nel mondo della robotica applicata, nato dalla collaborazione tra WeMake e Caracol Design Studio.

Moleskine racconta il processo creativo che si nasconde dietro il design dello zaino della collezione classic. Un’occasione per vedere come le idee prendono forma, fino a diventare oggetti di design, e per scoprire nuove possibilità creative: durante la settimana del design lo zaino diventa la tela dello street artist newyorkese Bradley Theodore. Disegnato da Giulio Iacchetti, lo zaino Moleskine è qualcosa di più di uno strumento per portare con sé quello che serve, è un oggetto che prende la forma delle tue storie e dei tuoi viaggi, e si distingue perché del taccuino Moleskine condivide le caratteristiche che lo rendono unico: gli angoli arrotondati, il design essenziale e il leggendario “in case of loss”.

Bookshop by OnPrintedPaper: un bookshop che prevede una selezione di libri in vendita, con titoli che includono ad esempio lo storico “Nomadic Furniture” di James Hennessey e Victor Papanek, pubblicato nel 1974 – per una panoramica sul concetto di “nomadic design” di ieri e oggi. Oltre ai libri più strettamente di design la selezione si arricchisce anche di libri di narrativa, illustrati, fumetti che, da diversi punti di vista, affrontano il tema del “vivere nomade”.

L’allestimento stesso del bookshop è pensato in chiave nomade-itinerante, infatti prevede l’utilizzo di librerie o altri arredi pensati come moduli facilmente assemblabili e trasportabili.

Durante la settimana del design, BASE Milano sarà il Design Center della Tortona Design Week, un hub che offrirà ai visitatori ed espositori numerosi servizi fra cui:

  • Press Point e Info Point ufficiale
  • Area Lounge per incontri e presentazioni
  • Bar con cucina, Un posto a BASE
  • Intrattenimento con programmazione musicale
  • Bookshop by OnPrintedPaper, vendita diretta e possibilità di acquisto online

Via Tortona 27 | Superstudio Più | SUPERDESIGN SHOW

Per il suo 70° anniversario, LG porta un grandioso artwork futuristico curato da Tokujin Yoshioka, artista e designer presente nelle collezioni permanenti di MoMA, Centre Pompidou, Victoria and Albert Museum e altri prestigiosi musei. Un arazzo di luce dove arte e tecnologia si combinano fino a creare una dimensione futuristica che confonde e trascende i sensi umani.

Gli incredibili vetri giapponesi di AGC Asahi Glass emozionano lo spettatore proponendo “Touch”, un “vetro da toccare” creato con un materiale altamente espressivo, in collaborazione con Jin Kuramoto e l’acclamato studio londinese Raw-Edges.

Yokohama Makers Village presenta l’ultima collezione “Flower/Metal”, con tableaux di vasi di design in perfetto stile giapponese che mostrano l’armonia nata dall’incontro di materiali antagonisti e valorizzano i colori dei fiori.

Sunbrella, specialista dei tessuti da esterno altamente performanti, mette in scena le ultime colorate proposte e una mega installazione che accoglierà i visitatori all’ingresso del corpo centrale di Superstudio, firmata dall’acclamato artista e fotografo francese Charles Pétillon.

Slide, leader della produzione di arredi luminosi stampati con la tecnica della moulded rotation in collaborazione con famosi architetti e noti artisti, si spinge fino ad ipotizzare una casa a tinte forti completamente di plastica, rivendicandone leggerezza, estetica, durata e qualità.

Radici Contract, leader delle moquette made in Italy che annovera tra i suoi clienti i più bei nomi della moda e del design, rinnova la sua collezione con colori ad effetti speciali, come lo straordinario e immenso tappeto arcobaleno appositamente realizzato per Superdesign Show 2017 su disegno di Carolina Nisivoccia.

Carpet Sign, tappeti “made in Holland” sotto il segno della straordinarietà mette in mostra come quadri gli incredibili tappeti a rilievo, dalle forme liquide e i colori intensi, disegnati da Karim Rashid.

Dresswall, un sistema costruttivo evoluto che permette di realizzare elementi di comunicazione luminosi e leggeri, senza limiti e con infinite possibilità di personalizzazione.

PepsiCo presenta lo spettacolare progetto Mix it Up e crea con Mathieu Lehanneur, Luca Nichetto, Fabio Novembre, lo Chef Davide Oldani, Studio Job, Patricia Urquiola e molti altri, una esplorazione tra passato, presente e futuro, di come cibo e bevande vengono consumati nella nostra società iperconnessa.

All’ora dell’aperitivo una flûte di Prosecco Valdo che presenta la nuova bottiglia floreale Special Edition, illustrata da Fabrizio Sclavi.

Un intero padiglione è dedicato al POLISH DESIGN, “Tomorrow is Today”, a cura di Dorota Koziara, la prima mostra collettiva che offre uno sguardo sul futuro del design polacco grazie alla partecipazione di 8 Università Statali da tutta la Polonia e le loro facoltà di progettazione.

Keio, prestigiosa università giapponese porta avanti una significativa ricerca sulle necessità e le esigenze di vita pratica e quotidiana con soluzioni ad avanzata tecnologia presentate in una mostra interattiva curata da Manabu Tago.

Materials Village, un vero e proprio villaggio indipendente installato nell’Art Garden di Superstudio, attorno alla grande scultura di Flavio Lucchini, presenta il meglio dell’innovazione dei materiali a cura di Material ConneXion. Importante novità di quest’anno, la mostra-evento “New Materials for a Smart City” che offre ai visitatori una panoramica sulle frontiere dell’innovazione materiale per la creazione della città intelligente. All’ingresso di Superstudio Più, nella Piazza dell’Arte, l’installazione di Studio Patricia Urquiola per 3M, sull’importanza di preservare le memorie per il futuro attraverso l’unione di architettura, design e la magia dei materiali.

Dassault Systèmes presenta lo “studio del futuro”, soluzioni all’avanguardia per il design creativo e la progettazione d’interni, per abbozzare nuove idee di prodotti direttamente in 3D su un tablet e visualizzarle subito con rendering fotorealistici in un ambiente virtuale immersivo interattivo.

Gore-Tex utilizza la realtà virtuale per comunicare la duttilità e il confort del materiale: ogni visitatore vedrà formarsi su un LED wall in modo interattivo un proprio profilo colorato e un diverso skyline naturale.

IBM ci parla di intelligenza artificiale e presenta Watson il famoso robot dalle sembianze umane, ospitato nell’area Material Village, prototipo degli umanoidi di domani.

Crescono in numero e in qualità le piccole aziende cui Superdesign ha offerto, in piccoli spazi, la possibilità di apparire anche senza eccessivi investimenti. Visionati dal board artistico i

SELECTED OBJECTS infine scelti rappresentano tante singole risposte alle richieste di nuovo design. Come il paesaggio urbano di Hong Kong attraverso la metafora della finestra di Ponti Design Studio; l’inaspettata leggerezza del marmo con le creazioni di Stefano Pasotti e Dario Martinelli di StoneLab Design; Daard reinventa la valigia per i tempi moderni e budbrand la nostra quotidianità rendendo portatili quelle cose che abbiamo sempre dato per scontato fossero impossibili da prendere in mano e portare in giro. E ancora, Delirious Eyewear porta i suoi occhiali unici no brand ispirati ad un design fatto di linee semplici e d’arte minimale, Haberdashery celebra la bellezza dei colori celati dalla nostra percezione della luce bianca col lampadario “Canopy” e molti altri innovativi brand italiani ed internazionali quali quali By Henzel dalla Svezia, styleGREEN dalla Germania, NuAns by Trinity dal Giappone, Latvian Design dalla Lettonia, Zalaba Design dalla Svizzera, Keydi by Cappa Arredamenti, il progetto MARCA promosso e sostenuto dalla Camera di commercio di Torino in collaborazione con il Centro Estero per l’Internazionalizzazione, il gioco di (s)composizione di Castellani.it, le borse personalizzate ricche di accessori di Dampaì, le sneakers di Beyond, il caminetto “Diamonds&Flames” di Spartherm, le sedie “Chiavarina” supercolor di F.lli Levaggi e i prototipi di interfacce basate su smartphone di Digital Habits.

Creativi di ogni genere, attraverso un annuncio in rete, sono stati invitati a partecipare alla collettiva DISCOVERING: PEOPLE&STORIES, e presentando un solo significativo oggetto sono entrati a far parte della scena internazionale del design. Il celebre designer Alessandro Guerriero, offre i suoi omini-scultura in tondino di ferro come “presentatori” di ogni singolo oggetto. Al centro della scena un grande tavolo di Guerriero con 300 fiori di legno realizzati artigianalmente su suo disegno dai ragazzi disabili di Sacra Famiglia, che potranno essere acquistati con un’offerta a favore dell’Associazione che li ospita. Discovering godrà di una visibilità speciale su eBay, che darà l’opportunità ai designer di entrare nel mercato digitale.

Alessando Ciffo crea meraviglie col silicone spesso usato al posto di materiali tradizionali, oggetti e arredi coloratissimi, ma anche trasparenti e delicati come vetri di Murano.

Letizia Marino realizza fantasmagoriche superfici a spruzzi di colore con resine e acrilici stesi manualmente, fino ad ottenere tavoli e piani unici dal forte impatto pittorico.

Daniela Gerini spazia dall’habitat all’abito declinando la sua passione per il colore e l’arte in sapienti pennellate sui tessuti, in forme asimmetriche per gli arredi, in texture e insoliti mix per le sue lampade.

Dejana Kabiljo, artista che opera nel campo del design famosa per le sue installazioniprovocazioni spesso presenti al Superstudio, con una proiezione sul grande tema della bellezza e quanto la sua diversa percezione può influire sulla qualità della vita.

Via Tortona 31 | Opificio 31

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Tortona Locations

Il German Design Council, nello Spazio Vetraio, presenta e premia i prototipi dei 21 designer vincitori di “ein&zwanzig”, il concorso internazionale nato per promuovere le nuove generazioni di designer e la produzione di prodotti innovativi e pionieristici nel settore dei mobili, degli accessori per la casa, dell’illuminazione, dei pavimenti, dei rivestimenti per pareti, dei tessili e del lifestyle.

IQOS Pathfinder Project, piattaforma culturale globale che sostiene i talenti creativi più innovativi, presenta, nello Spazio Emporio, l’installazione di Davide Quayola, Jardins d’Été: una serie di video digitali ispirati all’impressionismo francese e alle ultime opere di Claude Monet. L’artista cattura nei suoi video in alta definizione i paesaggi delle tele impressioniste, trasformandoli in nuovi immaginari pittorici. Tramite un’innovativa tecnologia – analisi computazionali del movimento, della composizione e degli schemi di colore – Quayola crea nuovi algoritmi artistici, reinterpretando in chiave contemporanea il gesto pittorico.

Via Tortona 31 | Opificio 31

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Milano Space Makers

House Within a House è l’installazione ideata da Stellar Works, primo brand globale di design nato in Asia, per presentare le nuove collezioni di arredo, tra cui i nuovi pezzi ideati da Neri&Hu, direttori creativi del marchio, Space Copenhagen, Yabu Pushelberg e Crème, oltre alla prima collezione di ceramiche, Arita Ceramics, disegnata da Neri&Hu. L’installazione riproduce l’interno di una casa con vari ambienti nei quali sono collocati gli arredi, in un’atmosfera dove tutto contribuisce ad enfatizzare il dialogo tra Oriente e Occidente.

Archiproducts presenta – the design experience, progetto che si interroga sui grandi cambiamenti che interessano il settore, come la mutazione dei luoghi di lavoro, dell’informazione e delle relazioni e quale ruolo avrà lo showroom e il progettista nell’era dell’ecommerce.

Durante la Tortona Design Week verrà inaugurato Archiproducts Shop che, da piattaforma online, si espande nella città e porta il design più vicino ai clienti in una piccola vetrina microscopica ma iper-interattiva.

Citroën in collaborazione con Gufram darà vita ad un incontro irriverente, quello tra C4 Cactus, l’Unconventional Crossover firmato Citroen e Gufram Metacactus, l’iconico appendiabiti dal design radicale. Nasce così una show car di C4 Cactus, sintesi dell’innovazione nell’uso di materiali evoluti e di un design ironico e fuori dagli schemi.

Il pop-up store di +d & Soil, un’eclettica esibizione con più di cento prodotti che ha coinvolto due grandi marchi per mostrare il meglio della creatività e qualità nipponica.

Italian Wallcoverings Tecnografica presenta una capsule collection di wallpaper ispirata al mondo della musica e realizzata ad hoc per la design week. Il brand nato nel 2014, ma erede della tradizione dello storico marchio emiliano Tecnografica, ha ideato un’esposizione suddivisa in tre ambienti che costituiranno l’omaggio visivo a un particolare movimento musicale.

Per la prima volta al Fuorisalone, Vestre, storica azienda norvegese leader nella produzione di complementi d’arredo per le città, parchi e spazi pubblici all’aperto, presenta Nordic life in urban spaces, un’installazione che apre le porte ad una cultura ancora circoscritta al nord Europa, del design condiviso e della socialità, della condivisione urbana e degli spazi collettivi.

Lumy House Limited, colosso della produzione di alluminio di Hong Kong, presenta la sua prima collezione dedicata all’illuminazione, con un repertorio di lampade innovative sia nel design che nelle soluzioni tecnologiche.

L’Opificio ospita anche una collettiva di design, trasversale e aperta all’innovazione, che vede la partecipazione di alcuna start up, tra le quali Deesup, il primo marketplace del design firmato di seconda mano, e Ecoplen srl la prima azienda al mondo, con base a Matera, in grado di produrre taniche e flaconi impiegando oltre il 70% di plastica da rifiuto post consumo, che danno vita ad una originale collezione di lampade dopo ulteriori operazioni di recupero.

Coontemporary Mood ed un’ecclettica collettiva che presenta designer indipendenti, start up, piccoli brand emergenti di design, tra cui Art&legno realtà composta da Designer e Artigiani che ogni giorno creano e reinventano nuovi modi di concepire l’arredamento.

Via Tortona 58 | Padiglione Visconti | Corian® Design Surface e Cabana Magazine

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Milano Space Makers

Nella prestigiosa location del padiglione Visconti, Corian® Design Surface e Cabana Magazine presentano la mostra “CORIAN® CABANA CLUB”, un viaggio multiculturale ed emozionale nel mondo del massimalismo. Con l’art direction di Cabana – tramite il direttore creativo Christop Radl e l’editor in chief Martina Mondadori Sartogo – un gruppo di personalità di livello mondiale nel campo della moda, dell’interior design e delle arti decorative concepiranno una serie di affascinanti allestimenti traendo ispirazione dal mondo evocativo ed emozionale di Cabana, utilizzando Corian® e armonizzandolo alla propria visione, gusto e stile.

Via Tortona 33 | Copernico Tortona 33 | Domus

Domus approda nel cuore del Tortona District allestendo presso il nuovo workspace Copernico Tortona 33 – la cui vocazione è sostenere l’arte, la creatività e la cultura nell’ambiente lavorativo – un’inedita mostra interamente dedicata alla città di Milano. Si tratta di un’estensione concettuale della speciale guida “Domus Urban Stories Milan” che la testata presenterà contestualmente in edicola e nelle librerie italiane, proprio a inizio aprile: una guida non convenzionale dedicata alla Milano contemporanea “post Expo” che Domus ha realizzato raccogliendo quindici testimonianze d’eccezione del mondo della cultura, dell’architettura e del design e tracciando altrettanti percorsi d’autore assolutamente inediti per la città. Ai tre capitoli in cui essa è suddivisa segue il quarto, non scritto ma raccontato appunto tramite la mostra che aprirà i battenti nel pomeriggio del lunedì 3 aprile. Grazie ad un allestimento “immersivo” che suddivide gli spazi in percorsi tematici, Milano viene analizzata, raccontata e immaginata. Domus disegna da un lato la Milano contemporanea e dall’altro la “Milano Next” rappresentando per la prima volta le testimonianze e i desiderata dei 15 speciali contributors coinvolti per l’occasione da Domus tra cui Studio Mumbai, Jasper Morrison e

Maurizio Cattelan.

Via Savona 35 | Brothers and Sons

Progetto espositivo che rientra nel palinsesto di eventi a cura di Milano Space Makers

L’itinerario espositivo prosegue in via Savona dove è ospitato un evento di grande impatto che ha come protagonista il brand Brothers and Sons, precedentemente noto come eQ+, grazie all’innovazione perseguita dal team creativo indirizzato dall’art direction di Geke Lensink, propone una nuova collezione di arredi senza tempo, funzionale ed esteticamente di pregio, realizzata con materiali innovativi e sostenibili.

Via Tortona 35 | nhow Milano

nhow Milano, l’hotel più camaleontico della città, torna a (im)porsi come il polo creativo più visionario per tutti i veri fashion & design addicted con la collettiva “future is nhow”. Si parte dal “disegnare il futuro nel presente” con l’8° edizione di IOricicloTUriciclo, organizzata da Misuraca & Sammarro Comunicazione e intitolata quest’anno IN_FINITO_DESIGN, per arrivare alle sapienti rivisitazioni degli arredi goshhh!!!, che raccontano di un heritage antico in chiave contemporanea, fino alla semplicità geometrica della serie di arredi per outdoor BARON DAYBED concepiti dal marchio Blakk di Singapore per RAIR. Sarà possibile scoprire il nuovo magazine Madeinitaly Rocks, presentato da Mamarocket, che raccoglie i designer più talentuosi del panorama italiano configurandosi come punto di contatto tra i loro oggetti e gli appassionati di design, arte contemporanea e moda, e ritrovare i designer internazionali che hanno disegnato pezzi ad arte per il MAAM – Museo sull’Arte Applicata nel Mobile della storica ditta Morelato. Swiss Kronos presenta “L’evoluzione della specie”, ovvero l’evoluzione del pannello, attraverso un’installazione che riproduce lo scheletro in 3D di un TRex in Swiss CDF (Compact Density Fibreboard) in scala 1:1. Muah bijoux propone invece la nuova collezione BE BRILLIANT, bracciali dipinti a mano e arricchiti con cristalli Swarovski. E ancora il progetto Qriosa Greenfort presentato da Delta Salotti, l’ironia e il colore dei pezzi di design nati dalla partnership tra Intentions e il marchio olandese Fatboy, e Mionetto che celebra quest’anno al nhow Milano il suo 130° compleanno.

Via Tortona 37 | Fondazione Gianfranco Ferrè | FLOATING ON

Guri I Zi, impresa sociale che promuove l’empowerment delle donne albanesi grazie al sostegno di Istituto Ganassini e marchio di prodotti tessili per la casa realizzati a mano, presenta la sua collaborazione con la designer Marta Sansoni, che ha creato e progettato per il brand la linea di pouf FLOATING ON. La collezione è composta da tre pouf dalle forme organiche che si adattano al corpo e che assumono le sembianze di organismi galleggianti, rivestiti dai tessuti Guri I Zi in cotone tinta unita nei toni brillanti e luminosi del bianco ottico e del latte, impreziositi da bordi e giunture, marchio di fabbrica di Guri I Zi e sinonimo di artigianalità e cura del dettaglio. Valorizzazione dell’artigianato tessile locale e delle risorse del territorio, formazione tecnica e gestionale e quindi accesso al mercato: sono questi gli step che hanno permesso a Guri I Zi di creare un laboratorio tessile nell’omonimo villaggio, di migliorare la condizione di molte donne e aumentare il reddito del loro nucleo famigliare.

Via Cardichio 2 | Civica Scuola Interpreti e Traduttori ‘Altiero Spinelli’ | Connecting the Dots

Durante la Tortona Design Week, la Civica Scuola Interpreti e Traduttori ‘Altiero Spinelli’ aprirà le sue porte per la prima volta al pubblico e ospiterà la mostra Design Language: un progetto espositivo internazionale, a cura dello studio CARA \ DAVIDE e Connecting the Dots, che indaga la diversità e la ricchezza delle identità culturali che si nascondono dietro la produzione di oggetti di design. Alla mostra partecipano oltre 50 importanti studi provenienti da dodici Paesi diversi, dal Giappone alla Turchia, dalla Giordania ai Paesi Bassi: ABK Stuttgart (DE), Viviana Degrandi (IT), Atelier 010 (NL), Designing Grand Tour (IT/NL/JP/CO), Alberto Meda (IT), STOLL (DE), Naqsh (JO), SUWADA (JP), Giulio Iacchetti (IT), José Kranen (NL), Edgar Flauw (FR), Uniqka (TR) and ROOFmatters (IT/NL) e molti altri. Il progetto prevede la partecipazione di studenti della Civica Scuola Altiero Spinelli e ospita una conferenza internazionale di tre giorni sulle diverse forme di linguaggio del design con interventi di Jacob de Baan, Paolo Cascone, Alvaro Catalan de Ocon, Aldo Colonetti, Alberto Meda, Lorenzo Palmeri e David Heldt, co-promotore della presentazione.

Un’occasione di scambio internazionale e di confronto da cui possono nascere nuove alleanze

e progetti originali.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial