MAGGIORE VELOCITÀ NELLE CONNESSIONI A INTERNET: LA RISPOSTA È NELLA FIBRA OTTICA

Fibra ottica

MAGGIORE VELOCITÀ NELLE CONNESSIONI A INTERNET: LA RISPOSTA È NELLA FIBRA OTTICA

Un insieme di filamenti di materiale trasparente, ricoperti da una guaina, dove vengono fatti riflettere degli impulsi luminosi: questa è in breve la fibra ottica. Al suo interno passa il segnale luminoso che compone l’informazione da trasportare tra i nodi di una rete.

Al giorno d’oggi, la fibra ottica è principalmente impiegata nei sistemi di telecomunicazione e viene utilizzata per sostituire i “vecchi” cavi elettrici in rame (doppino telefonico) nell’ultimo miglio, poiché per le proprie caratteristiche intrinseche riesce a garantire una maggiore velocità di trasmissione dei dati che fluiscono al suo interno.

Per collegare un’abitazione (o un’azienda) alla rete del fornitore dei servizi sono attualmente implementate tre differenti soluzioni: ADSL, FTTC e FTTH. Quest’ultime variano in base alla tipologia di cavo adottato per collegare la centrale all’armadio “ripetilinea” e l’armadio con l’abitazione dell’utente.

L’ADSL è considerata una banda larga ed è quella più lenta fra le tre elencate, con una velocità di trasmissione che va da 1Mbps fino ad una massimo di 20 Mbps. In questa soluzione il collegamento tra l’utente finale e la centrale è interamente costituito da cavi in rame. L’implementazione di tipo FTTC è invece ibrida: nel tratto tra la centrale del provider e l’armadio utilizza una connessione in fibra ottica, mentre dall’abitazione all’armadio “ripetilinea” sfrutta il doppino telefonico. Questa soluzione, che già sfrutta una banda ultra larga, ha una velocità di trasmissione compresa tra 30 Mbps e 200 Mbps. Infine, la FTTH è costituita da entrambi i collegamenti in fibra ottica, la cui velocità di trasmissione arriva fino a 1 Gbps (in futuro potrà arrivare fino ai 40 Gbps) sia in download che in upload.

Passando dall’ADSL alla fibra ottica, diminuisce la probabilità di interruzioni e inconvenienti tecnici, si ottiene così una connessione più stabile, produttiva e di qualità superiore. L’aumento di affidabilità della fibra ottica rispetto ai cavi in rame si ripercuote in modo positivo anche sui costi di manutenzione.  Le performance elevate costituiscono un altro notevole vantaggio. Passando dalla banda larga alla banda ultra larga è più difficile che si verifichino congestioni di traffico, evitando ciò aumentano i dati trasportati dal segnale nell’unità di tempo. Oltre ad una velocità maggiore, la soluzione di tipo FTTH garantisce sempre la sua velocità di accesso alla rete. Collegando direttamente la fibra ottica alle abitazioni degli utenti viene garantita la compatibilità con le future soluzioni tecnologiche. Per questo la fibra ottica ha una vita economica molto lunga e investire su di essa permette di assicurarsi una porta d’ingresso per le reti di telecomunicazione NGN. Queste reti, che verranno implementate in futuro, adottano la fibra ottica per la sua efficienza e maggior velocità di trasmissione.

Per un confronto tra fibra ottica e ADSL immediato è possibile consultare l’infografica della società Open Fiber.

Grazie ai vantaggi illustrati è possibile veicolare una serie di servizi per la casa. Tra questi gli utenti finali possono godere di una migliore fruibilità nei servizi di streaming, smart tv e gaming online. Inoltre, è possibile raggiungere una maggiore velocità ed efficienza nei servizi di cloud computing e più sicurezza nelle transazioni online. Per quanto riguarda invece l’ambito professionale, aziende e pubblica amministrazione con la fibra ottica sono in grado di avere una maggior efficienza di E-government e sanità, una riduzione dell’impatto ambientale nel campo dell’energia, una connessione stabile ad altre prestazioni per telelavoro e E-learning, una maggior velocità ed efficienza per il Wi-Fi pubblico, una ottimizzazione nei servizi di mobilità. Infine, con la fibra ottica si riescono ad ottenere anche alte prestazioni di connessione per i servizi di ricerca e formazione.

Condividi