La Compagnia d’arte varia delle Sorelle Marinetti dal 29 al 31 dicembre all’Ecoteatro di Milano con “Scusi, quando arriva il ’19?”

Musica

              Scusi, quando arriva il ’19?

       (L’ultimo dell’anno più lungo di Milano)

                con Le Sorelle Marinetti

   e il Quartetto Jazz dell’ Orchestra Maniscalchi

                                 Cast:

Nicola Olivieri è Turbina Marinetti

Marco Lugli è Scintilla Marinetti

Matteo Minerva è Elica Marinetti

e

Adalberto Ferrari al clarinetto, Christian Schmitz al pianoforte, Marco Mistrangelo al contrabbasso e Martino Malacrida alla batteria

Testi e regia di Giorgio Umberto Bozzo

Direzione musicale del M° Christian Schmitz

Un giorno solo per dare l’addio al 2018 e il benvenuto al 2019 non poteva bastare! Per questo la “Compagnia d’arte varia delle Sorelle Marinetti” ha deciso di mettere in cartellone all’ECOTEATRO di via Fezzan 11, a Milano, ben ‘tre repliche tre’ dello spettacolo “SCUSI, QUANDO ARRIVA IL ’19?”:

Sabato 29 dicembre – h. 20:45

Domenica 30 dicembre – h. 16:00

Lunedì 31 dicembre – h. 22:30

Quale genere musicale meglio si addice a un momento di liberatoria allegria come il veglione di Capodanno se non lo swing, di cui le Sorelle Canterine en travesti sono oggi regine incontrastate nel nostro Paese, così come le loro eroine di riferimento – le Sorelle Lescano – lo furono ottant’anni fa?

Una sequela di spiritose canzonette sincopate, tra classici evergreen del periodo della radio – dell’E.I.A.R.! – come Maramao perché sei morto, Ho un sassolino nella scarpa, Mille lire al mese alternati a brani magari meno noti, ma pur sempre irresistibili, come Pupa, Il silenzio è d’oro, Fiocca la neve, giusto per citarne alcuni.

E per coloro che amano crogiolarsi nella dolce atmosfera delle feste più belle dell’anno ci sarà ancora tempo, senza temere d’essere fuori luogo, per qualche canzone dal sapore più squisitamente natalizio, come gli standard americani Let it snow, let it snow, let it snow e Winter wonderland abbinati ad alcuni classici di stampo nostrano.

Ma lo spettacolo non sarà solo a beneficio dell’udito: chi già le conosce sa che le Sorelle Marinetti danzano, con leggiadria e a ritmo di foxtrot, e sanno farsi apprezzare per la simpatia delle loro maniere da signorine perbene d’antan, sobrie, educate, timidamente sensuali… seppure proiettate verso una modernità di stampo decisamente futurista.

Ma non sarà solo la musica a elargire il fausto intrattenimento per questo che si candida ad essere il più lungo ‘ultimo dell’anno’ di Milano: le Sorelline coglieranno infatti ogni pretesto per raccontare “quel tempo che fu”, con aneddoti, storielle e amene facezie snocciolate per regalarci un sorriso e farci rivivere uno scorcio di storia del secolo scorso dal fortissimo sapore familiare: per qualche ora ci si potrà calare nella leggerezza e nella gaia voglia d’evasione di quegli splendidi e coraggiosi ragazzi che furono i nostri nonni e i nostri bisnonni nei difficili anni che precedettero la seconda guerra mondiale.

Il trio vocale Sorelle Marinetti è composto da tre attori cantanti (Nicola Olivieri, Marco Lugli e Matteo Minerva) che hanno fatto della canzonetta sincopata una missione di vita e di spettacolo e che accanto a una estensiva attività teatrale vantano collaborazioni di prestigio, come quella con Arisa a Sanremo (2010), con Simone Cristicchi  in un fortunatissimo tour estivo (2011) e con Vinicio Capossela per l’album “Marinai profeti e balene” (2012).

Ecoteatro

Via Fezzan 11 – 20146 Milano

Info: direzione@ecoteatro.it

Direzione Marco Daverio

Tel: 02 82773651

http://www.ecoteatro.it

Costo biglietti:  29/30 dicembre a partire da € 25 e 31 dicembre  a partire da € 40 spumante e panettone, di mezzanotte, offerto dal teatro.

La biglietteria è aperta da giovedì a sabato dalle ore 15 alle ore 19 – Tel: 02 82773651 / 3701424292

ABOUT ECOTEATRO

L’ex Teatro di Milano – Cinema Orione cambia gestione e diventa “EcoTeatro” la prima sala milanese che offre servizi culturali nel rispetto dell’ambiente e della qualità della vita: elettricità da fonti rinnovabili, risparmio energetico, materiali riciclati, raccolta differenziata e parte dell’incasso destinata alla piantumazione di nuovi alberi per compensare l’anidride carbonica prodotta dall’attività.

Una scelta innovativa e responsabile quella del nuovo gestore, l’ente non profit “Muse Solidali Cooperativa Impresa Sociale”, che rende la città di Milano ancora più smart e internazionale.

Grazie alla cooperativa viene garantita la continuità di un importante presidio culturale della periferia milanese con stagioni teatrali diversificate, dalla lirica alla prosa, dal musical alla danza, dal cabaret ai concerti live… e una serie di spettacoli diurni per le suole e pomeridiani per gli anziani.

La scelta di gestire l’attività rispettando l’ambiente rende l’EcoTeatro una start up innovativa che guarda al futuro e vuole essere un primo esperimento per applicare il modello di sviluppo sostenibile al settore dell’arte e della cultura.

EcoTeatro oltre ad essere responsabile è anche solidale: contribuisce alle attività dell’Istituto Piccolo Cottolengo Don Orione di Milano e utilizza per i servizi di supporto persone svantaggiate attraverso una collaborazione con il sociale.

La sala ha ottenuto il patrocinio del Municipio 6 e il contributo della Fondazione Cariplo.

La direzione teatrale è affidata a Marco Daverio, già direttore del Teatro di Milano, autore e regista con esperienza in Italia e all’estero. Lo affiancano Vito Verdino, responsabile culturale e Jenny Rizzo, esperta di ambiente e società. Insieme a loro un gruppo di studenti della facoltà di Scienze dello Spettacolo dell’Università Statale rendono l’EcoTeatro di Milano uno dei laboratori culturali più innovativi e originali della città. La parte tecnica è affidata a Maurilio Boni e il service audio/luci/video si avvale della partnership esclusiva con Zeta Service di di Giorgio Vignola.

 

 

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial