Ematologia, il 47° Congresso SIE

Medicina

Con oltre 33mila nuovi casi diagnosticati ogni anno, i tumori del sangue si collocano al quinto posto della classifica dei più frequenti nel nostro Paese, ma i passi avanti della ricerca confermano terapie salvavita efficaci. Infatti se da una parte i nuovi dati di ricerca epidemiologica registrano nuovi casi di linfomi, mielomi e leucemie, dall’altra la mortalità è in costante riduzione.

Le nuove frontiere dell’ematologia: focus sulle CAR-T (Chimeric Antigen Receptor), con ampliamento della terapia alle patologie ematologiche, come ad altri linfomi, al mieloma multiplo e alla leucemia linfatica cronica. Ma anche nuove armi contro i linfomi non Hodgkin, terapia genica in emofilia e stato dell’arte nella cura della leucemia mieloide acuta, sono stati i principali temi al centro del 47° Congresso della Società Italiana Ematologia  (http://www.siematologia.it/) svoltosi a Roma nei giorni scorsi e che ha riunito tutti gli esperti di settore.

PROFESSOR PAOLO CORRADINI

PROFESSOR PAOLO CORRADINI

“Il Congresso SIE rappresenta l’evento più sentito dagli ematologi italiani; ogni due anni, i maggiori esperti nazionali e internazionali del settore si confrontano per discutere le principali e più diffuse tipologie di tumori del sangue e i progressi, i nuovi obiettivi e gli scenari terapeutici della disciplina”, ha dichiarato Paolo Corradini, Presidente della Società Italiana di Ematologia e Direttore Divisione di Ematologia Fondazione INT, Cattedra di Ematologia Università degli Studi di Milano. “Il mondo delle malattie del sangue è stato rivoluzionato dalla possibilità di curare alcune patologie del sangue – soprattutto quelle neoplastiche – senza chemioterapia, in primis grazie alle CAR-T cell. I dati consolidati a medio-lungo termine mostrano infatti che il 50% di pazienti con Leucemia Linfoblastica Acuta (LLA) e il 35% di Linfomi non Hodgkin Diffusi a Grandi Cellule B (DLBCL) hanno un controllo duraturo della malattia che potrebbe corrispondere a guarigione”.

Ma si tratta di una terapia destinata a pazienti selezionati. In particolare ad oggi le CAR-T sono state approvate in Italia per l’utilizzo nei pazienti affetti da Leucemia Linfoblastica e Linfomi ad alto grado che non hanno risposto o hanno avuto delle ricadute dopo aver ricevuto le terapie convenzionali per queste patologie (chemio e radioterapia).

Il Congresso ha visto la presenza di quasi 1.200 le presenze provenienti da tutta Italia e ben 130 sono stati i relatori.

Un bilancio molto positivo per questo Congresso SIE 2019 – ha commentato Paolo Corradini – Come Società abbiamo voluto porre l’attenzione sul cambiamento dirompente che ha apportato l’introduzione delle CAR-T Cell nel campo dell’ematologia. Con oltre 400 abstract scientifici presentati, più di 100 comunicazioni orali e circa 230 poster, il Congresso si è confermato come un evento di altissima qualità scientifica, capace di richiamare l’attenzione delle Istituzioni e della comunità ematologica nazionale”. “Abbiamo avuto una partecipazione straordinaria alle sessioni plenarie e parallele – ha concluso il Presidente Corradini – una partecipazione confortante, soprattutto se riferita alla componente giovane, che è stata numericamente importante a dimostrazione che la professione è viva, attiva, attenta e dinamica. La missione della SIE è da sempre quella di sostenere il progresso dell’ematologia, assicurare una sempre migliore assistenza ai pazienti e dare impulso alla formazione e aggiornamento professionale. Ecco perché in questo Congresso abbiamo anche consegnato tre borse di studio da 30 mila euro ciascuno a tre giovani ricercatori under 40 ”.

Intervista al Professor Paolo Corradini

Professor Corradini, cosa è la terapia CAR -T?

Con il termine CAR-T si intende una immunoterapia che utilizza particolari globuli bianchi, i linfociti T, ingegnerizzati per attivare il sistema immunitario contro le cellule tumorali, come succede per esempio per le infezioni. I linfociti T del paziente vengono prelevati e successivamente modificati geneticamente in laboratorio in modo da renderli capaci di riconoscere le cellule tumorali. Quando vengono restituiti al paziente entrano nel circolo sanguigno e sono in grado di riconoscere le cellule tumorali e di eliminarle attraverso l’attivazione della risposta immunitaria.

Si tratta di una cura standard per tutti i malati con un tumore del sangue o di una terapia utile in casi selezionati e destinata a pazienti con tumori giunti a stadio avanzato?

È una terapia destinata a pazienti selezionati, in particolare ad oggi le CART sono state approvate in Italia per l’utilizzo nei pazienti affetti da Leucemia Linfoblastica e Linfomi ad alto grado che non hanno risposto o sono ricaduti dopo aver ricevuto le terapie convenzionali per queste patologie (chemio e radioterapia).

Contro quali patologie finora la terapia ha mostrato risultati incoraggianti?

Le patologie in cui le CART si sono dimostrate una terapia molto promettente sono la Leucemia Linfoblastica Acuta, i Linfomi non Hodgkin diffusi a grandi cellule, il Linfoma primitivo del mediastino e il Mieloma Multiplo.

Come si effettua la terapia?

La terapia si effettua mediante la somministrazione endovenosa delle cellule ingegnerizzate. La somministrazione delle CART deve essere preceduta dalla raccolta dei linfociti del paziente circa un mese prima dell’infusione tramite la procedura di linfocitoaferesi, cioè viene collegato a una macchina che centrifuga il sangue e raccoglie i linfociti attraverso due vene (una per l’uscita e un’altra per il ritorno). Questi vengono poi inviati al di fuori dell’ospedale per essere modificati in laboratorio. Tre giorni prima dell’infusione il paziente deve ricevere un breve ciclo di chemioterapia e poi riceve i linfociti che nel frattempo sono stati geneticamente modificati e reinviati al Centro dove il paziente è ricoverato.  Il trattamento prevede che il paziente sia ricoverato per circa due settimane in un Centro Specializzato per la terapia con CART.

La terapia è disponibile in Europa?

Si, la terapia è disponibile in Europa per il trattamento di pazienti giovani adulti (fino a 25 anni di età) e pediatrici affetti da Leucemia Linfoblastica acuta B refrattaria o ricaduta dopo due linee di trattamento e di pazienti adulti affetti da Linfoma non Hodgkin Diffuso a grandi cellule B e Linfoma non Hodgkin primitivo del mediastino refrattario o ricaduto dopo due linee di terapia.

Quali sono i vantaggi di questa terapia? Quali invece gli eventuali effetti collaterali?

Il potenziale vantaggio è la possibilità di eseguire un trattamento di possibile efficacia in pazienti che non hanno alternative terapeutiche dal punto di vista delle terapie standard (chemio e radioterapia). I possibili effetti collaterali che sono stati osservati sono la sindrome da rilascio citochinico e gli effetti avversi neurologici. La sindrome da rilascio citochinico è legata all’attività delle CART e può presentarsi in circa il 25% dei pazienti con febbre molto alta, abbassamento della pressione, difficoltà respiratorie e insufficienza renale. I disturbi neurologici possono comparire in forma di cefalea, difficoltà a parlare, disorientamento, confusione, crisi epilettiche.

Quali sono i dati consolidati in tema di CAR-T cell Therapy?

I dati consolidati a medio-lungo termine mostrano che il 50% di pazienti con Leucemia Linfoblastica Acuta (LLA) e il 35% di Linfomi non Hodgkin Diffusi a Grandi Cellule B (DLBCL) hanno un controllo duraturo della malattia che potrebbe corrispondere a guarigione.

Quale la lista aggiornata dei centri accreditati?

Le procedure di qualificazione dei centri dipende da a) criteri stabiliti da AIFA, b) dalla selezione fatta dalla Regione, c) dall’aver superato i parametri di qualifica imposti dalle due aziende autorizzate alla commercializzazione da EMA. Ad oggi sono qualificati 5 centri lombardi (Ospedale San Raffaele https://www.hsr.it/, Ospedale Humanitas https://www.humanitas.it/, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo http://www.asst-pg23.it/, Pediatria dell’Ospedale San Gerardo di Monza https://www.asst-monza.it/ospedale-san-gerardo e la Fondazione INT di Milano https://www.istitutotumori.mi.it/), 1 del Lazio e 1 della regione Emilia-Romagna; è in corso la qualificazione per la regione Piemonte, Veneto e Toscana.

Professor Corradini, per concludere, quali i possibili scenari futuri di applicazione della terapia?

Si sta lavorando per l’ampliamento della terapia alle patologie ematologiche, come ad altri linfomi, al mieloma multiplo e alla leucemia linfatica cronica. In seconda istanza ci sono già degli studi attivati su alcuni tumori solidi.

 

Stefania Bortolotti

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial