Le allergie e Covid-19

Medicina

Allergie e Covid-19

10 milioni di italiani, adulti e bambini, continuano a soffrire di allergie e patologie respiratorie croniche, come l’asma, che devono essere gestite e curate.

Recenti studi clinici indicano che i pazienti allergici e asmatici (adulti e bambini), mostrano una protezione dal rischio di Covid-19 e che le terapie inalatorie prescritte dal medico non vanno assolutamente sospese.

Nonostante la pandemia, non bisogna quindi interrompere le cure e non bisogna avere paura di rivolgersi al medico, al pediatra, all’allergologo.

La campagna educazionale “Un Respiro di Salute” realizzata da Federasma e Allergie Odv, con il patrocinio di IAR (Accademia Italiana di Rinologia – https://www.nasosano.it/i-a-r-accademia-italiana-di-rinologia/), SIAIP (Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica – https://www.siaip.it/) e SIMRI (Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili – http://www.simri.it/) resa possibile grazie al contributo non condizionato di Chiesi Italia (https://www.chiesi.com/), prosegue con lo Speciale leaflet Vademecum Allergie e Aerosolterapia ai tempi del Covid-19 – “Prevenire, riconoscere i sintomi, non smettere le terapie” per aiutare a fare chiarezza sui sintomi, come distinguerli e riconoscerli, e sui dispositivi spray raccomandati nella Fase 3 del Covid-19, sensibilizzando i cittadini sulla necessità, raccomandata dalle Linee Guida Internazionali, di proseguire e non interrompere le terapie inalatorie prescritte dal medico.

Il leaflet è disponibile e scaricabile sul sito www.federasmaeallergie.org  e www.unrespirodisalute.it

Fare chiarezza e aiutare chi soffre di allergia: è fondamentale riconoscere i sintomi, prevenirli e curarli anche in Fase 3 per proteggersi di più.

“L’impegno della campagna educazionale sull’aerosolterapia “Un Respiro di Salute” prosegue a Giugno focalizzandosi sulle allergie ai tempi del Covid-19 per aiutare la popolazione a non confondere i sintomi e continuare a curarli anche con l’arrivo del caldo e il persistere di pollini e acari.

Non bisogna dimenticare che le malattie allergiche sono la terza causa di malattia cronica nel nostro Paese.

è importante rassicurare i cittadini informandoli che oltre a mettere in atto stili di vita per prevenire i sintomi dovuti ad allergie e anti-Covid-19 è necessario per proteggersi con misure di prevenzione, proseguire le terapie prescritte dal medico, senza interromperle.

Stiamo sperimentando la Fase 3 e molti sono i dubbi dei cittadini che soffrono di allergie, di rinite e di asma allergica, molte le problematiche da affrontare e le norme da mettere in atto.” osserva Laura Mastrorillo, Presidente di FederAsma e Allergie Odv  “L’impegno della Federazione e della campagna “Un Respiro di Salute” prosegue per aiutare i cittadini a proteggersi mettendo in atto norme “anti-allergia” semplici ma efficaci dentro e fuori casa, ricordando di seguire le direttive per contrastare il contagio: indossare la mascherina i guanti, mantenere il distanziamento, lavarsi spesso le mani.

Vogliamo sensibilizzare i cittadini sull’importanza e la necessità, raccomandata dalle Linee Guida Internazionali, di non abbandonare le terapie inalatorie prescritte dal medico, informando sull’aerosolterapia e i dispositivi spray adatti ai tempi del Covid-19.

Riniti allergiche e asma allergica sono invalidanti e si manifestano con sintomi che è importante imparare a non confondere con il Covid-19.

Asma allergica: le cure con corticosteroidi per via inalatoria non vanno sospese. Lo raccomandano le linee guida Internazionali negli adulti e nei bambini.

“È fondamentale sottolineare che in tempi di Covid-19 i pazienti non devono sospendere la terapia con corticosteroidi per via inalatoria.

Le Linee Guida Internazionali sono chiare: interrompere in autonomia il piano di terapia prescritto senza aver consultato il medico curante, può comportare un peggioramento potenzialmente pericoloso dell’asma.

Inoltre, recenti studi clinici suggeriscono che mantenere la terapia con corticosteroidi in pazienti adulti e pediatrici con asma o malattie respiratorie croniche, protegge dall’infezione Covid-19.

È importante ricordare che l’asma è la patologia cronica più frequente in età pediatrica: rappresenta circa il 10% di prevalenza di malattia nella popolazione infantile, tra questi circa il 5% non è ben controllato e circa il 2%, si stima soffra di asma grave.

L’asma rappresenta sempre, anche in questo momento, una patologia che può andare incontro a crisi di diversa gravità.

È molto importante quindi proseguire la terapia con regolarità per mantenere standard elevati di controllo della patologia.” – sottolinea il Professor Giorgio Piacentini, Professore Ordinario di Pediatria, Università di Verona, Direttore UOC di Pediatria, AOUI di Verona-Direttore Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Verona e Presidente SIMRI (Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili). –  “è fondamentale evitare di sospendere le cure in autonomia senza condividere la decisione con il medico curante o lo specialista di riferimento.

L’asma allergica porta con sé una serie di sintomi importanti da non confondere con quelli del Covid-19.

Gli adulti e i genitori di bambini con asma allergica devono sapere che la febbre, che è quasi costante nell’infezione virale, non fa parte solitamente dei sintomi di asma allergica che, invece, si manifesta con la produzione di muco extra, tosse, respiro sibilante e mancanza di respiro.

Le norme igieniche indoor-outdoor e le norme per proteggersi dal Covid-19 devono essere strettamente rispettate ma è fondamentale proseguire il trattamento prescritto con corticosteroidi per via inalatoria negli adulti e nei bambini per tenere sotto controllo l’allergia e proteggersi dal rischio di Covid-19.

Infine, rassicuriamo i cittadini: non abbiate paura, nonostante la pandemia, di rivolgervi al medico, allo specialista e, nel caso, agli ospedali.”

Le allergie si presentano con sintomi specifici: impariamo a distinguerli e riconoscerli. Attenzione alla perdita di gusto e olfatto: un sintomo da capire che riguarda naso e bocca.

“Aiutare a fare chiarezza e continuare ad informare è importante in modo che l’allergico sia in grado di riconoscere i sintomi classici della propria allergia, senza allarmarsi ma ponendovi attenzione: congestione nasale, naso che cola, starnuti, lacrimazione.

Tradizionalmente la sintomatologia di rinite allergica si manifesta a livello della testa e delle alte vie respiratorie e la febbre non è normalmente un sintomo attribuibile alle allergie, che si presenta invece circa nel 90% dei pazienti con Covid-19.

Nella rinite allergica, che colpisce il 20% della popolazione, ed è l’affezione più comune a carico delle alte vie aeree, i sintomi sono più nasali.

Seguendo le norme di prevenzione a casa e fuori casa e soprattutto la terapia anche inalatoria prescritta dal medico curante, che non deve essere interrotta durante la pandemia, l’allergico può tenere sotto controllo la patologia.

Se invece i sintomi vanno oltre a quelli tradizionali bisogna fare attenzione e rivolgersi al medico.

La perdita di olfatto (anosmia) e di gusto (ageusia) sono, ad esempio, sintomi che si presentano solitamente nell’allergico successivamente non in prima istanza; viceversa compaiono generalmente in primis in caso di Covid-19, risultando ad oggi sintomi specifici del virus.” – precisa il Dottor Alberto Macchi, Dirigente Primo Livello-ASST Sette Laghi Varese Clinica di Otorinolaringoiatria, Università degli Studi dell’Insubria e Presidente IAR (Accademia Italiana di Rinologia) – “L’anosmia e l’ageusia sono infatti sintomi specifici di Covid-19 e la comunità scientifica internazionale, tra cui anche l’Italia, sta realizzando a livello mondiale una ricerca per indagare il significato clinico di questi due sintomi, che riteniamo possano diventare un importante parametro predittivo ai fini diagnostici: il campanello d’allarme di Covid-19 e non di allergia.”

Rinite allergica: non sospendere le terapie, per proteggersi anche dall’infezione da Covid-19. Sì alla mascherina per ridurre il rischio di Coronavirus, ma anche i sintomi allergici.

“Informare ed aiutare ad orientarsi è fondamentale per non creare panico ma anche per non sottovalutare le allergie: un must che non bisogna smettere di ricordare, e che viene raccomandato dalla comunità scientifica e pediatrica a tutti coloro che soffrono di rinite allergica, è continuare le terapie prescritte dal medico.

Non esiste solo il Covid-19, adulti e bambini continuano a soffrire di allergie che devono essere curate, anche attraverso la terapia inalatoria e gli spray cortisonici, durante la pandemia: sospendere le terapie può infatti aggravare la sintomatologia.

È importante sottolineare che i bambini e gli adolescenti allergici e con asma, in particolare, risultano protetti dall’infezione da Covid-19: la bassa espressione del recettore ACE2 – responsabile del Coronavirus-la ridotta presenza di fattori di comorbidità (diabete, malattie cardiovascolari, ipertensione, obesità) sono fattori protettivi dal virus fermo restando la necessità di proseguire la terapia corticosteroidea che sembra inoltre contrastare la replicazione virale.” evidenzia il Professor Gian Luigi Marseglia, Presidente della Conferenza Permanente delle Scuole di Pediatria, Presidente della SIAIP (Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica) e Direttore Clinica Pediatrica Università di Pavia-Fondazione IRCCS Policlinico “San Matteo”- “Durante la pandemia, quindi continuare la terapia è fondamentale.

Un aiuto per la terapia della rinite allergica arriva dagli spray nasali con terapie farmacologiche, che consentono al principio attivo di depositarsi nelle vie respiratorie fluidificando le secrezioni ed esercitando il proprio effetto curativo.

Sono, inoltre, utili i lavaggi nasali con soluzioni fisiologiche in particolare, nel bambino piccolo che non è ancora capace di “soffiarsi il naso.”

Il lavaggio nasale è un’importante misura di igiene e protezione: previene da un lato riducendo i sintomi, rimuovendo detriti, allergeni, allontanando i mediatori dell’infiammazione e migliorando il meccanismo di “pulizia” delle alte vie aeree; dall’altro, ha un’azione coadiuvante antinfiammatoria sull’allergia.  

Infine, è importante non dimenticare di indossare la mascherina quando si è fuori casa per proteggersi dal rischio di Covid-19 e anche dall’esposizione ai pollini.”

Sul sito www.unrespirodisalute.it  e la pagina FB @unrespirodisalute  continuano: appuntamenti, servizi, focus on, news, approfondimenti tematici con il contributo di Esperti, possibilità di porre domande e di ricevere risposte a dubbi e curiosità delle mamme e di coloro che navigano sul web.

 

Stefania Bortolotti

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial