Ricola sostiene la mostra fotografica di Jacques Henri Lartigue “L’invenzione della felicità” al Museo Diocesano Carlo Maria Martini

Buone prassi

Ricola sostiene la mostra

Il gusto di Ricola accompagna i visitatori del Museo Diocesano Carlo Maria Martini

Dal 21 maggio al 10 ottobre 2021 il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano ospita la mostra dedicata al grande fotografo e artista francese Jacques Henri Lartigue (1894-1986), dal titolo L’invenzione della felicità.

Ricola sostiene la mostra

L’esposizione presenta 120 immagini ed è curata da Denis Curti, da Marion Perceval e Charles-Antoine Revol, rispettivamente direttrice e project manager della Donation Jacques Henri Lartigue, in collaborazione con Casa Tre Oci di Venezia e dalla Donation Jacques Henri Lartigue di Parigi, con il patrocinio del Comune di Milano, del Consolato di Francia a Milano, dell’Institut Français di Milano, con il sostegno di Ricola, media partner IGP Decaux.

Ricola sostiene la mostra

Ricola, azienda svizzera che dal 1930 produce caramelle e tisane dal gusto inconfondibile grazie all’inimitabile ricetta alle 13 erbe svizzere, sostiene il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano e le sue iniziative accompagnando i visitatori con la bontà dei suoi prodotti. Chi prenderà parte all’esposizione, potrà infatti assaporare i gusti di caramelle a disposizione dei visitatori nel formato sample, l’ideale da gustare durante la visita.

Ricola sostiene la mostra

L’amore per l’arte è nel DNA di Ricola, proprio grazie alla sua famiglia fondatrice, i Richterich. La Ricola Holding AG infatti, colleziona sin dagli anni Settanta, arte contemporanea svizzera all’interno di una collezione esposta negli edifici della sede del Gruppo Ricola. Nel corso del tempo si è creata così una collezione di notevole spessore qualitativo, tra cui figurano opere giovanili di artisti ormai affermati. La collezione vanta dipinti di Richard Paul Lohse, Max Bill, Camille Graeser e Verena Loewensberg, divenuti famosi col nome di “Zürcher Konkrete”, e riunisce in particolare svariati dipinti costruttivisti e teorici, fotografie e lavori su carta, nonché opere di matrice espressionista che hanno il corpo come protagonista. Fra le acquisizioni più importanti si contano opere, o gruppi di opere, firmate da Christoph Büchel, Jacques Herzog, Bruno Jakob, Karim Noureldin, Vaclav Pozarek, Shirana Shahbazi, Anselm Stalder e Erik Steinbrecher. La famiglia Richterich condivide la sua passione per l’arte con i dipendenti dell’azienda e con visitatori esterni che possono partecipare a visite guidate presso la sede.

Ricola sostiene la mostra

“Sostenere quest’esposizione in particolare, che si svolge all’interno di un Museo, per noi è quasi un atto dovuto, ora più che mai, in un momento di ripartenza” ha affermato Luca Morari, Amministratore Delegato Divita srl, azienda che dal 2006 si occupa della distribuzione dei prodotti Ricola in Italia. “Arte e cultura sono alla base del benessere dell’essere umano e poter portare il gusto di Ricola ai visitatori per noi significa dimostrare che l’azienda ha a cuore il consumatore, a partire dalle attività di qualità che decide di svolgere nel tempo libero”.

ABOUT RICOLA

Amore per l’ambiente, rigoroso controllo della qualità e solo ingredienti naturali: questa è, in sintesi, la ricetta delle specialità Ricola. L’originalità del prodotto è nella miscela di 13 erbe (Pimpinella, Veronica, Malva, Menta, Millefoglio, Salvia, Altea, Marrubio, Alchemilla, Piantaggine, Sambuco, Primula, Timo) messa a punto e perfezionata nel lontano 1940, tradizionalmente utilizzata ancora oggi per tutti i prodotti Ricola.

Il prodotto Ricola si colloca quindi nella centralità dei valori ambientali, culturali ed etici fortemente voluti dall’azienda, che ha sempre posto particolare attenzione e rigore nella scelta delle materie prime. Tutte le erbe, coltivate in territorio alpino elvetico per conto di Ricola, provengono da metodi di agricoltura naturale, vale a dire senza l’apporto di fitofarmaci e con l’ausilio di lavoro principalmente manuale. Più di un centinaio delle aziende che coltivano per Ricola operano in regime di coltivazione biologica e vantano il marchio protetto “Gemma”, il riconoscimento concesso da Bio Suisse (l’Associazione Svizzera delle organizzazioni per l’agricoltura biologica) ottenuto in applicazione di criteri più restrittivi rispetto alle direttive europee.

Ampia la gamma di gusti e di formati. Tra i prodotti “evergreen” da ricordare i classici cristalli di zucchero con la loro tipica forma a dado, disponibili in busta e barattolo da 250g.

Ricola è stata tra le prime aziende ad introdurre nel 1987 il formato clic-box, astuccio, che costituisce uno degli elementi distintivi della marca.

Ricola vanta un altro primato: nel 1976, in risposta alla crescente sensibilità per una buona igiene dentaria, lanciò sul mercato le prime caramelle senza zucchero, disponibili in busta, in astuccio ed anche in lattina da 100 grammi. Attualmente l’assortimento di prodotti senza zucchero, disponibile in astuccio da 50 grammi, è costituito da dodici gusti; vanno segnalate, oltre alle classiche caramelle alle 13 Erbe balsamiche, i freschi gusti Fiori di sambuco, Arancia-menta, Ribes nero, Melissa-limoncella, i balsamici Erbe Alpine, Eucaliptolo, gli originali Liquirizia, Menta di montagna, il goloso Caramello Melissa D’Oro e la nuova linea funzionale Azione Glaciale, disponibile nei gusti Menta Forte e Limone e Mentolo.

L’assortimento Ricola viene completato dalle benefiche tisane alle erbe svizzere. Tisane istantanee che, grazie ad un procedimento che garantisce la conservazione dell’alto contenuto di principi attivi e aromi, si preparano velocemente e semplicemente; tisane fresche e dissetanti, confezionate in barattolo da 200 grammi, e disponibili in cinque varietà: “Alle Erbe”, “Distensive-Relax”, “Camomilla”, “Melissa Limoncella” e “Fiori di Sambuco”, da bersi calde o fredde.

www.ricola.com | www.facebook/Ricola.com | www.instagram.com/ricola_it

Per informazioni: www.chiostrisanteustorgio.it

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial