Il Gruppo Celli ha celebrato la Giornata Mondiale dell’Acqua con la Community Valore Acqua per l’Italia e lo Chef Niko Romito

Ambiente

Nella foto: MAURO GALLAVOTTI, CEO del Gruppo Celli, e NIKO ROMITO, Chef stellato e fondatore dell’Accademia Niko Romito

Il Gruppo Celli, leader globale nel settore degli impianti e accessori per la spillatura di bevande, con il brand Acqua Alma ha celebrato lo scorso 22 marzo la Giornata Mondiale dell’Acqua attraverso due appuntamenti volti a sensibilizzare i cittadini e le istituzioni all’uso responsabile e consapevole dell’oro blu, la risorsa più preziosa che abbiamo.

La giornata è iniziata con la partecipazione all’evento di presentazione della terza edizione del Libro Bianco 2022 ‘Valore Acqua per l’Italia’, che si è tenuta presso Palazzo Rospigliosi a Roma. Il libro bianco è stato realizzato dalla Community Valore Acqua per l’Italia, piattaforma di alto livello multi-stakeholder sulla gestione delle risorse idriche come driver di competitività e sviluppo industriale, di cui Celli è partner fondatore, attivata da The European House Ambrosetti nel 2019. Riconfermando il proprio impegno e il proprio approccio da sempre orientato alla sostenibilità, il Gruppo Celli insieme agli altri partner della Community ha presentato il decalogo di proposte e azioni concrete messo a punto per il nostro Paese sul tema risorsa idrica. Per l’occasione, all’interno di un panel dal titolo Il valore dell’acqua nella filiera agroalimentare dal campo alla tavola, sono intervenuti: Mauro Gallavotti, CEO del Gruppo Celli; Niko Romito, Chef stellato e fondatore dell’Accademia Niko Romito ed Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti.

Il secondo appuntamento, nel pomeriggio, ha visto un momento di confronto tra Acqua Alma e Accademia Niko Romito, con la presentazione dell’iniziativa ‘L’acqua: da ingrediente segreto a protagonista della cucina di ricerca’. Mauro Gallavotti e Niko Romito hanno parlato del valore e del ruolo dell’acqua a tavola e nella cucina di ricerca, dando vita ad una Masterclass a cura dello chef, che ha realizzato davanti ai suoi allievi una serie di piatti il cui ingrediente principale è stato proprio l’acqua, protagonista nei ravioli di ricotta di pecora – rientrati nel menu dopo quasi vent’anni – e nell’anatra fredda e acqua affumicata (2018), piatto che prevede l’uso innovativo dell’acqua grazie alla tecnica della contaminazione a freddo, per poi concludere con l’infuso di limone, un classico della cucina di Romito che firma la conclusione dei suoi menù. L’obiettivo dell’iniziativa è stato trasmettere ai ragazzi dell’Accademia Niko Romito quanto sia preziosa l’acqua nella ristorazione, spiegando come dare valore a un ingrediente nato povero, ma di fondamentale importanza e, cercando di educare all’utilizzo responsabile della risorsa.

“L’Italia è un Paese ricco di paradossi legati all’acqua – ha dichiarato Mauro Gallavotti, CEO del Gruppo Celli – solo il 29,3% dei cittadini italiani beve abitualmente acqua del rubinetto, siamo al 1° posto in Europa e al Mondo per consumo di acqua minerale in bottiglia, ma allo stesso tempo siamo uno dei Paesi con la qualità dell’acqua di rete tra le migliori in Europa. Serve un cambiamento, il più veloce possibile, verso un consumo più sostenibile ed attento dell’acqua. Proprio per questo con il brand Acqua Alma promuoviamo una conversione culturale dei consumi orientata al superamento del contenitore monouso e offriamo soluzioni avanzate per l’erogazione dell’acqua in ogni occasione di consumo: a casa, in ufficio ed al ristorante.”

“Credo sia giunto il momento di comprendere il nostro ruolo nel mondo: non siamo padroni, ma ospiti del pianeta – ha dichiarato Niko Romito. – Con il nuovo ruolo sociale che noi cuochi stiamo acquisendo, possiamo e dobbiamo farci portatori di messaggi decisivi per la salvaguardia delle nostre società democratiche e di tutto il pianeta. L’acqua è l’elemento semplicemente decisivo, così come lo è il valore etico del ruolo dei professionisti della trasformazione del cibo. Un cuoco oggi non può ignorare temi come la sostenibilità ambientale, l’ecologia, l’impatto sulla salute di ciò che mangiamo e quando scegliamo il cibo da servire sulle nostre tavole dobbiamo essere consapevoli dell’impatto idrico che quel cibo produce sul nostro pianeta e trasferire questa conoscenza agli allievi di oggi, che saranno i cuochi di domani. L’acqua ha un potenziale incredibile che in una cucina di ricerca merita di essere espresso. Non è solo un ingrediente necessario, ma al contrario, è un ingrediente talmente prezioso che in molti dei miei piatti è diventato protagonista.”

www.celligroup.com

www.acquaalma.com

@acquaalma

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial