Giordano Amici cattura il disagio delle dipendenze in "LARA"

Giordano Amici cattura il disagio delle dipendenze in “LARA”, un inno pop-rock che trasforma la vulnerabilità in forza

Giordano Amici

«Lara stacca un biglietto per un mondo immaginario, mentre fissa un muro a testa all’insù con il naso ancora sporco di bianco»; «Lara consuma sogni con la dipendenza, apre porte alla prigione della triste realtà»: un vivido quadro dai tratti struggenti che si fonde con una tela melodica in grado di creare e trasmettere un’atmosfera governata da profondo turbamento. Un viaggio tra le tenebre interiori, in cui la lotta tra illusione e realtà consuma dentro, lasciando cicatrici impalpabili, ma profondissime, sull’anima di chi, non trovando atri rifugi, si addentra nel tunnel delle dipendenze in cerca di ascolto, accoglimento, in cerca di un riparo da quel silente frastuono che pare spesso ingovernabile.

«Per una dose lei regala il suo corpo, Lara sulla pelle ha i segni di quei tanti sconosciuti, ma questo in fondo a Lara non interessa, la sua amica è nella tasca dei jeans»; parole che nella loro crudezza, rivelano il bisogno di fuga, l’accettazione della sofferenza e la rassegnazione al dolore. Stati interiori che emergono come elementi centrali di una narrazione che esplora il lato più torbido delle dipendenze, il prezzo da pagare per quel legame morboso e disfunzionale che si instaura con le sostanze.

Giordano Amici

“Lara” non è semplicemente una canzone: è il simbolo di una generazione che vive in un mondo sempre più complesso e competitivo, un’esperienza profonda che svela tutte le sfumature di «un viaggio senza meta che spegne (…) sensi lenti», sensi intorpiditi dagli abusi, annebbiati dalla droga e dall’alienazione, dal distacco dalla realtà, invitandoci a riflettere sull’importanza di andare oltre le apparenze, oltre i pregiudizi, oltre le facili condanne.

Giordano Amici

Un cammino tra le tenebre verso la luce, un inno di rinascita e riscatto che invoca una fiamma di guarigione per chiunque si trovi intrappolato in situazioni simili. Un grido di allarme, una denuncia sociale, una testimonianza di solidarietà verso chi soffre di dipendenze, ma anche un messaggio di speranza e di incoraggiamento a non arrendersi, a lottare per liberarsi dalle catene delle droghe ritrovando il senso della vita.

Con “Lara”, Giordano Amici non solo fotografa e cattura le emozioni in versi incisivi e commoventi, ma le amplifica su un arrangiamento musicale coinvolgente, unendosi in un canto di profonda risonanza. “Lara” è un’ode alla vulnerabilità e alla forza interiore, un appello appassionato a non fuggire dai mostri invisibili che oscurano la realtà, ma a lottare per la propria liberazione, spezzando per sempre le catene della propria prigione interiore, come suggerito dalle liriche conclusive del pezzo – «bianche righe che col tempo come lame spezzerai». “Lara” ci ispira a perseverare nella nostra lotta per la libertà e l’autenticità, risuonando come un encomio alla resilienza e alla determinazione umana.

Biografia
Giordano Amici è un cantautore italiano di Genzano di Roma (RM), classe 1986. Coltiva la passione per la musica e per il canto sin dalla tenera età e cresce sotto l’influenza dei gusti musicali paterni. Sviluppa così un profondo amore per i 45 giri dei leggendari cantautori italiani, ammirando il loro straordinario dono di comunicare in modo spontaneo, naturale e geniale, un dono che lo ispira e fa proprio. Con il passare degli anni, Giordano studia canto per perfezionare le sue abilità e guadagna preziosa esperienza attraverso numerose performance, prima nel Lazio, e, in seguito, in tutta la Penisola. Prende parte a diversi concorsi e festival musicali, ottenendo riconoscimenti significativi come il primo posto nella categoria inediti di New Star (2007), il terzo posto al Festival di Fiumicino (2007), il terzo posto al Festival dell’Adriatico ed il Premio Alex Baroni (2009). Dal 2018, è frontman del gruppo “Numero Uno”, cover band dedicata al mito di Lucio Battisti e, dal 2023, ha dato vita al suo progetto solista, inaugurato con la pubblicazione del singolo “Non doveva andar così”, nel mese di Gennaio. Ad Aprile dello stesso anno, Giordano Amici firma il suo primo contratto discografico con PaKo Music Records, un passo importante nella sua carriera artistica che gli ha consentito e continua a permettergli di sviluppare le sue competenze ed attitudini e di condividere emozioni, sentimenti e riflessioni sotto forma di brani con un pubblico in continua crescita.

Instagram

 

Condividi