Bagnacavallo, calzaturificio Emanuela: vendita benefica di mille sabot prodotte a mano

Buone prassi

Bagnacavallo, calzaturificio

Il ricavato sarà devoluto alle famiglie colpite dall’alluvione

Fra le conseguenze negative che l’alluvione di maggio ha causato al calzaturificio Emanuela di Bagnacavallo – invasa dall’acqua come tutta la zona artigianale a sud della cittadina – c’è stata anche la mancata vendita di una “partita” di quasi mille sabot, ordinate da un cliente straniero del calzaturificio, ma poi ricusate per l’inevitabile ritardo dovuto alle settimane di ridotta attività.

Un mancato acquisto che ha lasciato in eredità al magazzino del calzaturificio, ormai tornato a pieno regime, decine di scatole di queste pregiate ciabatte da donna, di varia misura (fra il 36 e il 41), in feltro di vera lana di colore azzurro, impreziosite da fiori realizzati all’uncinetto e applicati a mano.

E così Emanuela Bacchilega, titolare del calzaturificio, ha deciso di avvicinarsi al Natale promuovendo una particolare promozione dei sabot in questione, legata ad un intento benefico. A partire da domani, venerdì 8 dicembre, e fino alla fine di febbraio, sarà possibile acquistare le ciabatte al prezzo speciale di 49 euro al paio, attraverso il portale emanuela.com. Il nome scelto per il prodotto è “Rainbow”: l’arcobaleno, ovviamente dopo l’alluvione.

Bagnacavallo, calzaturificio

Tolte le spese vive di produzione, l’incasso realizzato grazie alla vendita dei sabot Rainbow verrà devoluto dal calzaturificio al Comune di Bagnacavallo, per aiutare le famiglie maggiormente colpite dall’alluvione e ancora in sofferenza.

“Se l’operazione dovesse avere il riscontro che mi auguro, e che questa particolare calzatura realmente merita – racconta Emanuela Bacchilega – ho la speranza di poter donare al Comune una cifra che potrebbe anche superare i ventimila euro. Abbiamo sofferto come moltissimi romagnoli per il disastro di maggio: ma ora che l’attività è ormai ripartita appieno, ho pensato che fosse necessario contribuire a dare un aiuto ai nostri concittadini più sfortunati. E la presenza di queste pantofole invendute mi è sembrata l’occasione migliore per farlo”.

“Le alluvioni di maggio hanno duramente colpito per ben due volte le imprese della nostra zona artigianale e industriale – commenta la sindaca di Bagnacavallo Eleonora Proni. – Imprenditori e dipendenti hanno lavorato senza sosta per poter ripartire il prima possibile, ma era inevitabile che lo stop obbligato avesse delle conseguenze. Il progetto benefico ideato dal Calzaturificio Emanuela è perciò particolarmente significativo, perché trasforma una criticità aziendale in un’occasione di solidarietà a favore dei cittadini colpiti di cui siamo grati a Emanuela Bacchilega e a tutto il suo staff”.

Bagnacavallo, calzaturificio

Nella foto, Emanuela Bacchilega con il modello del sabot in vendita per beneficenza sul sito del calzaturificio

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial