Collezione Giancarlo e Danna Olgiati “How Evil Is Pop Art”

Arte

L’espressione “pop art” comparve per la prima volta nel 1956 a Londra, per le opere d’arte ispirate alla cultura commerciale: cartelloni pubblicitari, film di fantascienza, jukebox, fumetti. Alla Biennale di Venezia del 1964, il pubblico non gradiva ancora questo tipo di arte. Con quarantadue opere tutte eseguite tra il 1959 e il 1966, la mostra “How Evil Is Pop Art” (“Quanto è diabolica la Pop Art”,  considerazione di Tullia Zevi), offre al visitatore un’ampia espressione dell’arte viva, libera.Raymond Hains saffa 1964

Questa esposizione consta di una raffinata selezione di opere provenienti dall’incontro di due collezioni private: la Collezione Giancarlo e Danna Olgiati e una delle principali raccolte private di questa corrente.  Trentuno gli artisti delle opere esposte,  una chiarissima rappresentazione del linguaggio del Pop britannico, accanto agli esponenti del Nouveau Réalisme francese, ai tedeschi, agli italiani, apprezzati anche per la molteplicità d’espressione.

Tano Festa viva l'estate 1965

Fino al 6 gennaio 2019 allo Spazio –  1  Collezione Giancarlo e Danna Olgiati,  Lugano,  Lungolago, Riva Caccia 1.

L’ingresso è gratuito.

L’orario: venerdì – domenica  ore 11,00 – 18,00

 

Judith Maffeis Sala

 

 

 

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial