Il LABGRADE Sustainable International Design Award all’indiana Kirti Lakhera

Ambiente
Da sinistra: Elena Scordamaglia, Massimiliano Pierini, Kirti Lakhera, Olivia Carone

Da sinistra: Elena Scordamaglia, Massimiliano Pierini, Kirti Lakhera, Olivia Carone

Presso la sede milanese del Parlamento Europeo, nell’ambito della Conference dal titolo “Green cities – Il cambiamento climatico dentro le città: visitando soluzioni abitative”, organizzata da Labgrade all’interno della ‘settimana delle energie sostenibili’, Kirti Lakhera, studentessa di nazionalità indiana, ha ricevuto il “LABGRADE Sustainable International Design award”, organizzato nel 2018 da Labgrade, associazione italiana di respiro internazionale che dal 2015 ha come mission la valorizzazione e l’applicazione della sostenibilità, a partire dal costruito.

Kirti Lakhera a Milano ha frequentato allo IED – Istituto Europeo di Design fondato nel 1966 – il master di primo livello in Design – Innovation, Strategy and Product. Per questo è stata selezionata e inserita tra i partecipanti a LABGRADE Sustainable International Design Competition, primo concorso in soli tre giorni ‘a porte chiuse’, la cui 1ª edizione si è svolta a marzo 2018 a fieramilano in occasione di MCE- Mostra Convegno Expocomfort.

Olivia Carone Kirti Lakhera Elena Scordamaglia

Olivia Carone Kirti Lakhera Elena Scordamaglia

A credere immediatamente alla inconsueta, impegnativa competition di Labgrade è stata Hoval, industria punto di riferimento nel settore dell’efficienza energetica grazie al continuo sviluppo di soluzioni tecnologicamente avanzate per il riscaldamento e il benessere in ambiente. “Volutamente sintetiche – ha precisato Elena Scordamaglia di Hovalle indicazioni date ai partecipanti: realizzare un packaging per contenere il nostro “oggetto magico”: un device tecnologico di piccole dimensioni  che ottimizza e gestisce gli impianti di riscaldamento e ventilazione. La proposta di Kirti, un concept di facile lettura (colori utilizzati: il rosso del logo aziendale e l’immancabile green, declinato in un sapiente segno emozionale) e di profondi contenuti, ci ha favorevolmente colpito anche per ‘le modalità d’uso’ trascritte in un foglietto tipo ‘bugiardino’, esattamente come quello utilizzato nelle scatole dei farmaci. Per un’idea di salute e benessere, immediata e concreta”.

Elena Scordamaglia, Hoval


Elena Scordamaglia, Hoval

Per noi, un obiettivo raggiunto”, ha sottolineato Olivia Carone, architetto e presidente Labgrade che, con Elena Scordamaglia di Hoval e Massimiliano Pierini, managing director di Reed Exhibitions Italia-MCE,  ha consegnato il premio alla studentessa indiana: un contributo in denaro e l’attestato di riconoscimento. “Anche con questa particolare competizione siamo riusciti a creare sinergie affinchè la sostenibilità venga realizzata concretamente nelle attività quotidiane. In questo caso specifico, si tratta di un’azione di packaging che ha come obiettivo la trasmissione di un messaggio totalmente legato alla sostenibilità. Il fatto che Hoval si sia dimostrata molto sensibile all’argomento ci fa piacere, che ne abbia parlato con il proprio network europeo ci gratifica. E  che Hoval, a seguito di tutto ciò, abbia deciso di proseguire con Kirti Lakhera in un rapporto professionale ci soddisfa pienamente, perché anche questo è nella mission di Labbgrade”.

Applausi e bouquet floreale, molto graditi dalla giovane vincitrice visibilmente commossa, hanno concluso la breve cerimonia. Le sue poche parole hanno poi apertamente suggellato l’accordo professionale per la realizzazione definitiva del progetto di packaging: “Da un’incontro occasionale a un  accordo di collaborazione. A cui si aggiungono, il piacere di stare ancora in Italia e l’orgoglio di essere stata scelta da Labgrade e da un’azienda di comprovata efficienza in tema di sostenibilità”.

Da venerdì 22 marzo la giovane Kirti Lakhera è socio onorario dell’associazione Labgrade  (www.labgrade.net).

 

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial