Gerhard Dambach nominato Presidente della Camera di Commercio Italo-Germanica

Aziende

Lo scorso 10 giugno i soci della Camera di Commercio Italo-Germanica (AHK Italien) hanno eletto durante l’assemblea generale il nuovo Presidente e il nuovo Consiglio di Amministrazione, che rimarranno in carica fino al 2022.

Gerhard Dambach, Amministratore Delegato di Robert Bosch S.p.A., con responsabilità per il Sud Europa (Italia, Grecia, Albania, Malta e Cipro), ha assunto la presidenza della AHK Italien, succedendo a Erwin Rauhe, Amministratore Delegato, Executive Advocacy S.r.l.

Presidente e CdA proseguiranno l’attività di promozione e valorizzazione della partnership commerciale italo-tedesca, contestualizzandola sempre di più all’interno del progetto europeo e sottolineando la necessità di una politica industriale comunitaria che stimoli la trasformazione digitale. Centrale negli anni a venire sarà anche il rafforzamento e la promozione delle attività di formazione duale nel nostro Paese, con il potenziamento della rete di aziende e degli accordi con partner strategici quali ITS, regioni e ministeri.

Sono onorato di ricoprire questo incarico e per il prossimo triennio mi impegnerò per potenziare ulteriormente il ruolo della AHK, nella sua funzione di mediazione tra aziende, incentivando i rapporti economici, e tra aziende e istituzioni politiche. Inoltre, mi dedicherò allo svilluppo e alla valorizzazione della formazione professionale sia dal punto di vista del supporto alle imprese attive in Italia sia per quanto riguarda il miglioramento dell’offerta formativa per i giovani italiani e per i collaboratori delle aziende.” – ha commentato Gerhard Dambach.

Con un’esperienza di oltre 25 anni all’interno del Gruppo Bosch, Gerhard Dambach è attualmente Amministratore Delegato della multinazionale tedesca in Italia. Nato nel 1962 a Bruchsal (Germania), è sposato e ha quattro figli. Dopo la maturità nel 1981 ha frequentato la facoltà di ingegneria gestionale (Wirtschaftsingenieurwesen) indirizzo Operations Research e Informatica, presso la Technische Hochschule Karlsruhe e nel 1988 ha ottenuto la laurea in ingegneria gestionale. Nel 1992 ha concluso il PhD presso la facoltà di ingegneria meccanica e ha ottenuto il titolo di Dr.-Ing. Nel 1993 è entrato nella Robert Bosch GmbH e dopo vari incarichi in diversi settori e paesi, dal 2010 è Amministratore Delegato della Robert Bosch S.p.A. con responsabilità per il Sud Europa. Dal 2006 fa parte del Consiglio della Camera di Commercio Italo-Germanica e dal 2013 al 2019 ne è stato il Vice Presidente. Inoltre, è membro del Comitato Esecutivo di Aspen Insititute Italia.

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Grazie ai circa 410.000 collaboratori (al 31 dicembre 2018) impiegati nei quattro settori di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 78,5 miliardi di euro nel 2018. In qualità di azienda leader nel settore IoT Bosch offre soluzioni innovative per smart home, smart city, industria e mobilità connessa. Inoltre, utilizza la propria competenza nella tecnologia dei sensori, dei software e dei servizi, oltre che nel proprio cloud IoT per offrire ai clienti soluzioni connesse, cross-domain da un’unica fonte. L’obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire soluzioni innovative per una vita connessa. Seguendo lo slogan “Tecnologia per la vita” Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo. Il Gruppo è costituto dall’azienda Robert Bosch GmbH e da circa 460 tra consociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 68.700 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 130 sedi in tutto il mondo.

L’azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come “Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica”. La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l’indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all’azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garanti-re il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 92% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell’azienda. I diritti di voto e le partecipazioni restanti spettano alla famiglia Bosch e alla Robert Bosch GmbH.

Ulteriori informazioni sul sito www.bosch.com

 

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial