“Italiani al mare. Manifesti cinematografici 1949-1999”

Arte

“Italiani al mare. Manifesti cinematografici 1949-1999. Dalla Collezione Enrico Minisini” è la mostra in corso, a cura di Andrea Tomasetig, libraio antiquario, negli spazi della Galleria Carifano, nel cinquecentesco Palazzo Corbelli a Fano, visitabile sino al 29 settembre 2019.

Sono grafiche dei film prodotti ed usciti nelle sale cinematografiche nel periodo dal 1949 al 1999, selezionate dalla collezione di Enrico Minisini e definite da Stefano Salis – che ha curato anche il catalogo della mostra stessa – “vere e proprie opere d’arte della Scuola Italiana del Manifesto Cinematografico.”  Sono pittori del cinema (Enrico De Seta, Sandro Symeoni, Nano – Silvano Campeggi-, Anselmo Ballester, Angelo Cesselon, Alfredo Capitani, Giorgio Olivetti, Renato Casaro). <<Sono un’esplosione dei colori dell’estate – dichiara Andrea Tomasetig – coniugata ai simboli delle vacanze al mare. Le belle in bikini e i maschi in agguato. Un filone di successo del cinema popolare, con attori e attrici famosi come protagonisti.>> Enrico Minisini aggiunge: <<E’ uno specchio dell’Italia che cambia visto dalla spiaggia, più immediato di un trattato di sociologia.>>Italiani al mare

Sono documentati 50anni di cinema balneare, filone della commedia all’italiana, costituito da un centinaio di manifesti, locandine, e foto buste, tutti in prima edizione originale. Nelle immagini sono documentate le passioni e le mode di quei periodi, le località balneari, dalla Riviera Adriatica a Ischia, Capri e Taormina.Gli attori famosi: Alberto Sordi, Ugo Tognazzi, Walter Chiari, Aldo Fabrizi, Totò, Franco e Ciccio, Raimondo Vianello, Vittorio Gassman.

E i cantanti: Mina, Ornella Vanoni, Jimmy Fontana, Miranda Martino, Gianni Meccia, Enrico Polito, gli interpreti dei “tormentoni dell’estate”.

Con gli anni ’70 si giunge ai “cinepanettoni”; dal manifesto disegnato si passa alla fotografia per gli anni ’80 e ’90 e dal bikini si arriva al topless.

L’esposizione fa seguito a “Cinema in bikini”, tenutasi a Lignano Sabbiadoro, sempre allestita con il materiale di Enrico Minisini. La mostra di Fano si arricchisce di un cortometraggio inedito a cura di Giuseppe Colangelo, presentato in anteprima per l’occasione che ripercorre la storia del genere grazie ad un divertente e variegato susseguirsi di frame, trailer ed interviste per far rivivere con scene e battute memorabili le atmosfere delle estati italiane.

Enrico Minisini è un farmacista di Cividale del Friuli, in provincia di Udine, che nel tempo ha collezionato moltissime locandine di film. Insieme queste immagini raccontano la storia del cinema italiano, dal Neorealismo al 2000, ma non solo, evidenziano come il cinema ha rappresentato il rapporto degli italiani con il cibo. Formano un atlante iconografico della storia dell’alimentazione italiana: l’Italia del secondo dopoguerra che esorcizza la paura della fame e conosce nuove forze di benessere, quando il cibo non rappresenta più i valori familiari della tradizione ma diventa status symbol. C’è l’Italia degli anni ’70 segnati dalla crisi dei valori tradizionali in cui il cibo diventa metafora dell’uomo contemporaneo come nella “Grande abbuffata” in cui un gruppo di amici si ingozza fino a morire per stordire sensi e anima. Una forte critica alla società dei consumi e del benessere.

La mostra “Italiani al mare. Manifesti cinematografici 1949-1999. Dalla Collezione Enrico Minisini” è organizzata dalla Città di Lignano Sabbiadoro, Assessorato alla Cultura e Biblioteca Comunale e realizzata dall’Associazione Culturale “Noi…dell’Arte” in collaborazione con la Fondazione Gruppo Credito Valtellinese. Accompagna l’esposizione un esaustivo catalogo con testi di Stefano Salis e dei curatori Andrea Tomasetig e Enrico Minisini con un ricco apparato iconografico.

“Italiani al mare Manifesti Cinematografici 1949-1999. Dalla Collezione Enrico Minisini”

A cura di Andrea Tomasetig e Enrico Minisini

Galleria Carifano, Palazzo Corbelli, via Arco d’Augusto 47, Fano (Pesaro Urbino)

Fino al 29 settembre 2019

Orari: fino 31 agosto, ore 21-23, da martedì a domenica,

            dal 1 al 29 settembre, da martedì a domenica ore 17 – 20. Chiuso il lunedì

Ingresso libero

INFO: Gallerie Gruppo Credito Valtellinese  www.creval.it

 

Judith Maffeis Sala

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial