Intesa Sanpaolo e Chora Media presentano Signorine con Serena Dandini

Intesa Sanpaolo e Chora Media presentano Signorine con Serena Dandini

Intesa Sanpaolo e Chora Media presentano Signorine con Serena Dandini

Il podcast che racconta le tappe del lavoro femminile in Italia

  • Un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso la storia del lavoro femminile in Italia
  • La voce di Serena Dandini, accompagnata da ospiti diverse in ciascun episodio, ripercorre ostacoli e conquiste che hanno portato le donne italiane ad avere i diritti odierni
  • Dall’8 giugno disponibile su Intesa Sanpaolo On Air e sulle principali piattaforme audio (Spotify, Apple Podcasts, Google Podcasts) e YouTube

Intesa Sanpaolo e Chora Media presentano Signorine, la serie podcast che, con la voce di Serena Dandini, racconta le tappe del lavoro femminile in Italia dalla fine dell’Ottocento a oggi attraverso i materiali di diversi archivi tra cui i documenti dell’Archivio Storico di Intesa Sanpaolo.

Partendo dalle infermiere garibaldine e arrivando fino ai tempi recenti, nel corso di cinque episodi si intraprende un avvincente viaggio nella storia italiana. Signorine è un racconto che accende i riflettori sulle vite di alcune protagoniste dell’emancipazione femminile sul luogo di lavoro, alcune molto note, altre poco conosciute o addirittura dimenticate, tutte però accomunate dalla determinazione al non volersi piegare alle regole imposte dalla società della loro epoca e a lottare contro i pregiudizi in ogni campo.

Ogni episodio si focalizza su una professione in particolare e sulle storie di donne che l’hanno scelta, sfidando spesso le convenzioni del loro tempo. In cuffia si susseguono così le vicende storiche di alcune figure note, come Jessie White, che alternò il suo lavoro di infermiera a quello di giornalista.

Si passa poi al racconto collettivo delle dattilografe, denominate anche nei documenti ufficiali dell’archivio di Intesa Sanpaolo “signorine”, e di tutte quelle donne lavoratrici che, chiamate in sostituzione provvisoria dei colleghi uomini impegnati al fronte durante i conflitti mondiali, restarono tuttavia sempre relegate a ruoli minori con salari anche dimezzati rispetto alla controparte maschile.

Non manca poi il racconto di quelle donne che per prime intrapresero percorsi un tempo proibiti, disseminati di ostacoli e resistenze: Anita Klinz, la prima art director nell’Italia degli anni Cinquanta, capace di farsi strada in un mondo ancora maschile fino a divenire direttrice artistica di Mondadori, e a quella, raccontata in prima persona, di Amalia Ercoli Finzi, prima donna a laurearsi in Ingegneria Aeronautica in Italia e ancora oggi considerata una delle maggiori esperte di ingegneria aerospaziale.

Infine, nell’episodio conclusivo della serie, la narrazione si porta ai giorni nostri, cercando di capire come vivono le donne lavoratrici in Italia. Perché se è vero che molte cose sono cambiate nel corso degli ultimi decenni, ci sono discriminazioni che persistono.

Signorine, nuova serie podcast realizzata da Intesa Sanpaolo e Chora Media, è disponibile con un episodio a settimana a partire dall’8 giugno sulle principali piattaforme audio free (Spotify, Apple Podcasts, Google Podcasts), YouTube e Intesa Sanpaolo On Air, la piattaforma di contenuti audio di Intesa Sanpaolo che raccoglie voci, storie e idee sul futuro, sostenibilità, inclusione e cultura.

Sinossi generale

Nel 1860 il legislatore francese Jules Simon disse che “una donna che lavora non è più una donna”.

C’è però un equivoco di fondo: le donne, in qualsiasi epoca storica, hanno sempre lavorato, ma spesso lo hanno fatto senza tutele e riconoscimenti. Questa disparità si esprimeva anche con le parole: “signorine”, ad esempio, è il modo in cui venivano chiamate fino a non molto tempo fa impiegate e segretarie nei documenti ufficiali.

Ogni puntata si focalizza su una professione. Parleremo di infermiere, dattilografe, art director, ingegnere, ma anche di alcune tappe della storia del lavoro femminile in Italia. Ricordando che quelle “signorine” che si sono barcamenate fra pregiudizi e discriminazioni di ogni tipo, in fondo, volevano solo lavorare in pace.

°°°°°°

Sinossi dei singoli episodi

«Una donna che lavora non è più una donna»
Nel 1860 il legislatore francese Jules Simon disse che “una donna che lavora non è più una donna”. C’è però un equivoco di fondo: le donne, in qualsiasi epoca storica, hanno sempre lavorato. Il “problema” è sorto quando hanno iniziato ad accedere a posti di lavoro visibili e riconosciuti.

La prima tappa di questo viaggio nel lavoro femminile inizia nel Risorgimento, con il mestiere dell’infermiera. La professoressa Rossella Certini racconta la figura di Jessie White, giornalista e infermiera nata in Inghilterra, grande sostenitrice della causa italiana. Passando attraverso i primi anni del Novecento insieme alla storica del lavoro Fiorella Imprenti, ospite fissa di questo podcast, arriviamo alle crocerossine della Prima Guerra Mondiale, che si sono distinte per il loro eroismo passato spesso sotto silenzio.

«Nel nostro Stato essa non deve contare»

Questa frase di Benito Mussolini descrive bene cosa ha significato il Fascismo per le donne italiane.

Già prima dell’ascesa di Mussolini non è che tutto fosse rose e fiori, ma il peggio doveva ancora venire. Negli anni, il regime attua diversi provvedimenti per promuovere la sua idea di donna, vista principalmente come moglie e madre.

C’erano però alcune professioni che erano considerate adatte alle “signorine”, come quella della dattilografa. La scrittrice Alice Basso racconta perché questa professione ha contribuito a creare alcuni spazi di relativa libertà, e chi erano le dattilografe del Ventennio. Scartabellando tra i documenti dell’Archivio storico Intesa Sanpaolo, vediamo che le donne venivano chiamate “signorine” anche nei documenti ufficiali. Dopo la seconda guerra mondiale le cose sono cambiate, ma le discriminazioni e le ingiustizie non sono sparite. 

«Poco adatte a comandare»

Stereotipo vuole che le donne siano meno portate per la leadership. Negli anni ’50 e ’60 questo pensiero era ancora più radicato rispetto ad oggi, ma alcune donne riuscivano comunque a emergere e farsi strada. Anita Klinz, art director della Mondadori, è un bellissimo esempio: a capo di un comparto composto per la maggior parte da uomini, progetta libri e collane entrate nella storia. Klinz, autorevole e riservata, è una figura estremamente affascinante, che scopriremo grazie al contributo di Livia Satriano.
In quegli anni, poi, si afferma il design Made in Italy che tutti conosciamo e, nel contempo, cadono barriere: ad esempio, nel 1963 finalmente le donne possono diventare magistrate. Gli anni ’70 sono anni di rottura: finalmente arrivano il divorzio, l’aborto, il diritto di famiglia. La società cambia in maniera radicale. Gli stereotipi, però, sono duri a morire.

«Alle donne non piace la fisica»
Questa frase, pronunciata solo pochi anni fa da uno scienziato, riassume bene quanti stereotipi legati a donne e STEM sia ancora necessario abbattere. Protagonista di questo episodio è Amalia Ercoli Finzi, la prima donna laureata in ingegneria aeronautica in Italia, che ha collaborato con NASA, ESA, ASI e che ha dedicato la sua vita allo spazio.
Mentre negli anni ’80, ’90 e 2000 molte barriere continuano a cadere, sopravvivono comunque retaggi, discriminazioni e ostacoli che continuano a condizionare la vita delle donne.

«Presente»
E finalmente, eccoci all’oggi. Come stanno le lavoratrici? Nelle puntate precedenti abbiamo parlato di infermiere, impiegate di banca, art director, donne che lavorano nelle STEM: in questo episodio ascoltiamo le esperienze delle donne che svolgono oggi questi mestieri, oltre alle parole della storica del lavoro Fiorella Imprenti.
Sono stati fatti dei passi avanti notevoli. Eppure, fra disparità di stipendio, battaglie linguistiche e stereotipi che resistono, appare chiaro che il lavoro da fare non è ancora finito.

Credits

Signorine è un podcast di Chora Media e Intesa Sanpaolo On Air. È stato scritto da Ilaria Orrù con la supervisione di Sara Poma e il supporto redazionale di Simone Clemente e Francesca Bottenghi. I fonici di presa diretta sono Aurora Ricci e Gianluca Volpi. Le registrazioni in studio sono a cura di Lucrezia Marcelli, Emanuele Moscatelli e di Andrea Mamma per Full Color Sound. La post produzione è di Aurora Ricci. La supervisione del suono e della musica di Luca Micheli. La producer è Monia Donati, l’assistente alla produzione è Sabrina Patilli. La cura editoriale è di Sara Poma.

°°°°°°

CHORA MEDIA

Chora Media è la podcast company italiana fondata nel 2020 da Guido Maria Brera, Mario Gianani, Roberto Zanco e Mario Calabresi che la dirige. Racconta storie autentiche, nuove prospettive e punti di vista, dando voce a talenti consolidati e scoprendone di nuovi, sempre in un’ottica di multiformat e multipiattaforma. Al suo attivo ha più di 141 serie pubblicate e più di 2.100 episodi, con ascolti medi mensili che si attestano intorno ai 3 milioni (con più picchi di 4,2 milioni di ascolti). Nel 2022 è stata fondata la Chora Academy, scuola per diventare podcaster, insieme alla Business Edition, dedicata ad aziende e professionisti che vogliono approfondire il valore strategico dei podcast. Nel 2023 nasce Chora Studio, la linea editoriale dedicata ai progetti podcast su commissione da parte di aziende, istituzioni culturali e realtà del terzo settore. Su questo fronte, inaugura anche la divisione Chora Agency, che mette a disposizione dei clienti il supporto tecnico e produttivo per realizzare serie podcast partendo da idee interamente proposte dal committente. Per maggiori informazioni: www.choramedia.com

INTESA SANPAOLO

Intesa Sanpaolo è una Wealth Management & Protection Company, nonché la principale Banca in Italia e una delle più solide e profittevoli banche europee. Come Bancassicurazione, offre servizi bancari commerciali, di corporate investment banking, private banking, gestione del risparmio, asset management e assicurativi. Il Gruppo Intesa Sanpaolo conta circa 13,5 milioni di clienti in Italia, serviti attraverso i suoi canali digitali e tradizionali, e 7,1 milioni di clienti all’estero, dove è presente con banche controllate operanti nel commercial banking in 12 Paesi in Europa centro-orientale, Medio Oriente e Nord Africa, oltre che con una rete internazionale specializzata nel supporto alla clientela corporate in 25 Paesi. Intesa Sanpaolo è riconosciuta come una delle banche più sostenibili al mondo ed è impegnata a diventare un modello di riferimento in termini di sostenibilità e responsabilità sociale e culturale. Promuove progetti rilevanti di inclusione economica e riduzione della povertà, tra cui un fondo di impatto per 1,5 miliardi di euro di finanziamenti a categorie di soggetti con difficoltà di accesso al credito. In campo ambientale, ha creato un fondo di 6 miliardi di euro destinato all’economia circolare. Il Gruppo è inoltre fortemente impegnato in attività culturali in Italia e all’estero, con l’obiettivo di difendere, valorizzare e condividere il patrimonio storico-artistico del Paese, anche grazie alle esposizioni permanenti e temporanee ospitate presso le Gallerie d’Italia, i musei di Intesa Sanpaolo presenti a Milano, Napoli, Vicenza e,prossimamente, Torino.

Sito internet: www.group.intesasanpaolo.com  | News: https://group.intesasanpaolo.com/it/sala-stampa/news  | Twitter:@intesasanpaolo | LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/intesa-sanpaolo  | Facebook: @intesasanpaolo |Instagram: @intesasanpaolo

 

Condividi